ora che (31) – marzo 1980 –

– io dubito delle relazioni che l’intimità sviluppa tra vivi e cemento e morti e l’idea straziante dell’oro e del sole non turba la necessità della sera imminente e i piaceri presuntivi del sonno

– straziante é soltanto l’eleganza della parola inutile mi tolgo le mutande e le calze e dico

‘non guardarmi’

– la funzione di me cittadino é proprio questa escludere dai giochi ogni memoria arcana e se soltanto respiri i vetri & le finestre fondono la mira sono tende che sbattono

– tu visiti in silenzio la villa con cellophan argento siringhe sporche tra i piedi

tra poco chiude tra poco la massa

– con più fretta i sogni convergono nei sogni la periferia arcana si accartoccia e respinge le premure delle grandi vie che decidono il centro casalingo del tempo

– con retorica semplicità ti guardo negli occhi ti mostro la sigaretta e ti chiedo del fuoco e poi ti ringrazio e vado via liberandomi

– ora senza alcuna ironia purini disegna la luna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LINGUA
La disciplina della punteggiatura. L’umiltà della matita. La grammatica breve, elementare ed esatta. L’onestà intellettuale. Il decoroso incedere delle parole. Read more.
ABBANDONI
Hai lasciato i tuoi libri sul pavimento, e mi chiedo se a guardarli si possa capire quali hai letto e Read more.
COMPILATORI
la realtà fenomenica è controllata da programmi molto piccoli, perfetti per le sue delicate imperfezioni. per ogni variabile o eventuale Read more.
I NUVOLANDESI
Erone Cretese riporta nei suoi diari di viaggio il bizzarro e breve soggiorno tra i Nuvolandesi. Producendosi il caso che Read more.
1)
ed è tramonto di un passo dentro ogni spina di spine la fine di un luogo   la forma dell’angolo Read more.
FIN DOVE
la stanza è un paesaggio sospeso tra terra e mare sul bagnasciuga corpi senza numero un varco per respirare aria Read more.
STORIA DI JAZZ (CORTOCIRCUITI) 1
Il contrabbassista cercò una via d’uscita da quel giro armonico triste, s’infilò nell’imbuto che il barman teneva nel collo di Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (17)
“Tre minuti alla fine del meeting.” “Ci dica MacLoss”, chiede un generale, “è sicuro che funzionerà?” “Vi basti sapere che Read more.
A.K. ROSSO
il prolasso della terra, la carne ferita che pulsa ancora. * la stanza di polvere rossa, una spalatrice rimuove la Read more.