BALLATA DELLE TESTE TAGLIATE

Gli stenografi dei killeristinti aguzzini
Soavi… mastro Titta… Jan Mydlář boia
Che scopre i colli di lontra ai ventisette
Del Regno a Praga nobiluomini un ventuno
Giugno milleseicentoventuno (oppure fatto
Nella torre di Londra o pubblicato nello
Stationers’ Register chissà quando in atto
Il secolo di Thomas Kyd, di Thomas More,
Del figlio dell’umile guantaio nello score,
Più tardi, del suo ippodromo in versi…)

Sul ballatoio ambidestro stenografi:
Acta, i loro, un veder teschi dispari dipinti
Secondo la calligrafia della scure ma a segno
Di scrollar una bacca da un’isoscele a forca
D’avellana…:
san mulinare una dialefe di scura
Testa spiccata dal tronco come quel Turner
Lo strofinaccio oblungo delle turgide nuvole
D’oro e porpora sulle marine nostromo di chine
Del flutto rissoso, d’indachi
D’uno specchio d’acque così lesto e calmo
Che è come l’olio delle tortore più lamentose?
Mentr’io indulgo a un antonimo wiper
Viper nel geloso corridoio che porta a un’ampolla
Al cloruro, a una grolla
riempita di pigne…

Sul ballatoio dei teschi c’è un capestro
O una primula? sulla forca a rovescio il tarlo
Gareggia insieme alla tìpula
A rodere il legno? ognuno di noi
Per intera una vita le ombre
Credendole bottes-rimées di più salde
Inumazioni l’ha coltivate nelle loro fosche maree
Proprio là dove sorgono in veste di tombe? proprio
Così parcelle dei nostri trionfi
Cresciute nel sangue caldo di dee
Vipere moventi incontro all’uovo
Agitando i musi come strofinacci in un palio
Di Tartuca maligna?
Nevermore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTOPIANINO
Tentando di combattere nemici contro i quali non può nulla – con tutte le sue forze, ve lo giuro – Read more.
COMPOSIZIONE 1
  (Foto di Giuseppe Zimmardi, 2001) Read more.
REPLICHE 10
a mala pena in continuazione o a ragione di quanto sopra autorizzato sincronizzano gli effetti alla lunga serie di fotografie Read more.
GLI ALTRI – n.14
finestra, pop corn, sdraio, coca e canella sono le mie estati. Di sera. Sto lì e passo le mie estati. Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena V
camera ardente sfila gente scurita via alla soggettiva del morto ogni ombra alla fonda Viva il Re! afosa spoon river Read more.
DENTRO DI TE
Dentro di te hai giardini dove io passeggio e sono addobbati con merletti di luce la luce delle cose che Read more.
ESSERE E SIGNIFICARE
A scanso di equivoci e Cronicamente equivoco Recuperato dal fondo Ottenebrato in luce e Stocastico e irrimediabilmente rimossa la provenienza Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.57
La quaresima del sonno è la veglia, Una fiaccola al dì di corrosi enigmi Patrioti del cosmo i versi Scesi Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (9)
Gli incantesimi ottici si moltiplicavano e i ragazzi sbandavano, sballavano, molti correvano appresso alle immagini incantatrici, alcuni cadevano e si Read more.