SOLE/LUNA (Primo)

Maso attacca un cartone nero alla finestra col palmo della mano si assicura che non filtri luce. Fa un piccolo foro nel ripiano nero. Serra gli altri scuri, chiude la porta. Spegne la luce. Un raggio di luce entra nella stanza buia. Pulviscolo gioca sospeso. L’immagine capovolta della campagna si forma nella parete bianca della stanza. Leva i quadri che ingombrano la superficie. Guarda la campagna capovolta.

Maso mette in funzione un registratore a bobine che comunica il senso melograno.

sida side, mistica iside del paradiso, corona di re. L’albero a cui tendevi la pargoletta mano…

Una ragazza, senza una particolare espressione, accarezza le foglie di un melograno nel campo. Pollice e indice, come carta moneta. Pressa con i piedi la terra intorno al tronco e vi colloca in giro delle pietre. Raccoglie un frutto maturo e lo guarda.

Maso nella penombra della stanza buia devia il raggio di sole in un catino pieno d’acqua: lampi di luce nel riflesso liquido.

Un frutto del melograno sgranato in un piatto bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LINGUA
La disciplina della punteggiatura. L’umiltà della matita. La grammatica breve, elementare ed esatta. L’onestà intellettuale. Il decoroso incedere delle parole. Read more.
ABBANDONI
Hai lasciato i tuoi libri sul pavimento, e mi chiedo se a guardarli si possa capire quali hai letto e Read more.
COMPILATORI
la realtà fenomenica è controllata da programmi molto piccoli, perfetti per le sue delicate imperfezioni. per ogni variabile o eventuale Read more.
I NUVOLANDESI
Erone Cretese riporta nei suoi diari di viaggio il bizzarro e breve soggiorno tra i Nuvolandesi. Producendosi il caso che Read more.
1)
ed è tramonto di un passo dentro ogni spina di spine la fine di un luogo   la forma dell’angolo Read more.
FIN DOVE
la stanza è un paesaggio sospeso tra terra e mare sul bagnasciuga corpi senza numero un varco per respirare aria Read more.
STORIA DI JAZZ (CORTOCIRCUITI) 1
Il contrabbassista cercò una via d’uscita da quel giro armonico triste, s’infilò nell’imbuto che il barman teneva nel collo di Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (17)
“Tre minuti alla fine del meeting.” “Ci dica MacLoss”, chiede un generale, “è sicuro che funzionerà?” “Vi basti sapere che Read more.
A.K. ROSSO
il prolasso della terra, la carne ferita che pulsa ancora. * la stanza di polvere rossa, una spalatrice rimuove la Read more.