scrivere-5

mi faccio distrarre in continuazione dalla mia condi­zione di disoccupato mentale lo strascichio di un passo una voce dalla tv una rispo­sta aspra di chio a ra perfino un soffio di vento im­provviso e ogni distrazione ogni pausa diventano vertigini della continuazione dello scrivere nel senso che mancando un tema …

scrivere-4

cos’é il miraggio? la percezione di una virgola di umi­dità (o é meglio ‘una virgola umida’?) dal cui luogo affiora la ragione di un fare-continuo. alquanto miste­rioso proprio per questa sua continuità. e una tale continuità non può che sostenersi così es­sendo/facendosi misteriosa/silenziosa. i biglietti che testimo­niano la ns appartenenza …

scrivere-3

scrivere é un infinito senza modo temporale. mi piace che quando ci vediamo ci sia da scambiarci un biglietto in forma di poesia o di favoletta da leggere dopo quando torneremo a starcene soli o con ‘quelli’ che stanno nell’altra parte del mondo (che é una forma di solitudine più …

scrivere-2

scrivere é coitare senz’al­tro incentivo che l’es­serci della scrit­tura. é indizio crudelis­simo del­l’incompletezza dell’esserci. co­s’ha la scrittura di tanto erotico? bisogna chiederlo a gli oc­chi. e gli occhi a me dicono che nella scrittura tro­vano l’intera umilia­zione del vedere – senso pieno di un nulla dal quale viene fuori un’e­nergia …

scrivere

10 ago. 02   scrivere.direi digitare, stampare, autopubbli­carsi. e poi rettificarsi all’infinito correggersi riscegliere font corpo colore. una perdita di tempo affollata da impegni istantanei da di­strazioni che non potrebbero es­sere più erotiche da premi imprevedibili ma soprat­utto da ri­cominciamenti via via più insensati. Oppure sensatissimi se prefigurano il progressivo …

7 istanti d’opera

(17 luglio2002)   1 so perché sciolgo le immagini e ne faccio figure so che la protagonista non c’é ma é questo il piacere che si presenta con una sola voce alla fine dell’istante so che si é fatto tardi per tradirlo secondo abitudine d’altronde per una doppia vita mi …

buongiorno di

stanotte trottando ho sentito un po di freddo di origine sconosciuta mi sono guardato sopra e accanto niente lo spazio in regola il buio tranquillo un leggerissimo tanfo di benzina bruciata forse una blatta in tumulto ora questo venerdì si avvia gli chiedo per prova di aspettare 5 minuti non …

si stanno facendo

si stanno facendo lunghissimi i discorsettini mi stancano se mi distraggo col cuore per la pipì nessuno m’accompagna sanno che mi piace ogni musica che nel genere specifico non c’è adattandomi al tema mi sparisco

in altre

in altre si bagnano altre dagl’ inferni dall’altro escono che v’entrano così dello stesso colore che riescono in altri inferni e corrodono come che sia tanto quanto le deforma l’altre rinfrescano (le grida esasperate del delinquente non ancora sazio)