da OSPIZIO DI ADDIO – n.3

Graziata vorrei andarmene

Fatata di sorpassi

Esponenziale acrobata

Equilibrio di sorriso.

Cuore anonimo ormai ricordarti

Ché finite le fucilazioni odierne

Al ritorno le allucinazioni di tornare

Dove la nave vacilla solitudini.

Tutto strapiombo il dolo della notte

Qui la questua delle genti inermi

Vada via l’atleta che mi sterminò

Fanciulla. Ora l’arsenico uccida

Chi sono, vegliarda ora mi dileguo

Dalla guerra d’apice nel cestello

Della merenda. Già da allora capii

Girandola in croce e senza vento

Questa lacuna al cumolo d’origine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I TACCHINI
Questa è la poltrona di mio cugino Miguel. E lì c’è il suo adorato Alfredo, coniglio rosso di Borgogna di Read more.
COSTA OVEST – 01
  … e tu mi accompagnavi tra i turisti e i bagnanti / spiaggiati su un lido della Costa Ovest Read more.
ALLUDO
Flutti rotti. Vetri. Incagli. Voce! “Sono il tuo pupo”. Spirale gutturale. Di pancia. “Dove mi hai messo?” – Sclerato, lacerato Read more.
SPORE – 509
la cosa, però, è finita lì. Read more.
MINIERISMO
a un tratto, era una giornata invernale, abbiamo visto uscire da sotto dei tizi sporchi di fango dappertutto mi raccontò Read more.
ESTATE ’96
Ci spalmammo l’argilla sul corpo e in pochi minuti sentimmo le giunture rigide, la pelle incrostata, era bello però avanzare Read more.
6)
dove tutto è pigro e grigio i miei occhi guardano il sole varcare la soglia – le foglie sono morte Read more.
#
succhia l’occhiello per rimbandolare il filo di pezza della bambola. succhia le mammelle. ha l’estetica del gesto, la pornografia dell’atto, Read more.
BUCHI 3.
Sei in punizione nel contorno. A volte intorno è bianco. Nella terra è più difficile è meno distinto. Nell’asfalto si Read more.