ACQUA DAVANTI E VENTO DIETRO

Genbraio 1.6.
Rieccoli!!! Là, alla mia sinistra! In ombra, sotto i cappellacci neri, i tre visi contratti in una identica, paonazza smorfia di muta rabbia. Corrono fianco a fianco dietro le bocche piene di piombo dei loro fucili spianati verso di me già fuori tiro. Torvamente ingobbiti dai pesanti cappotti grigiastri più che uomini sembrano lupi. Non di rado, sabbie soccorrevoli ne inghiottono uno. Passano lunghi, speranzosi minuti, poi, immancabilmente, costui riemerge in superficie tossendo e scaracchiando a destra e a manca con una tale furia che pare che stia lìlì per sputare anche l’anima e una volta e per tutte togliersi di torno e… invece… invece, dopo essersi scrollato di dosso con delle mirate manate la sabbia, eccolo, fresco e tenero come una rosa appena sbocciata, di nuovo a lato dei compari…  All’improvviso davanti a me, anzi, ovunque getti lo sguardo, d’una vastità a dir poco disarmante, l’ondosa superficie marina! Tartaglio trequattrocinque parole incomprensibili (o irriferibili?) e, continuando a correre per non perdere lo slancio necessario, mi tuffo là dove il blu aspira a diventare ancora più blu… Non ho nemmeno trattenuto il fiato. Ma poiché non avverto il bisogno di tornare a galla per respirare, ora come ora dubito persino d’avere mai avuto questa esigenza fisiologica. Perciò nuoterò sottacqua finché le forze non m’abbandoneranno… Nel mentre, a centinaia i proiettili sciamano ronzando come vespe inferocite tutt’attorno alla mia sfuggente sagoma distorta dall’acqua e si schiantano con molli plof plof plof  nel fondo marino con il vantaggiosissimo risultato di sollevare spesse cortine di melma mucillaginosa… Di tanto in tanto, sebbene a queste profondità vengano storpiate, riesco a captare le voci arrochite dall’odio dei miei persecutori… Nascosto in mezzo ad una lussureggiante prateria di posidonie ondeggianti ad ogni aggraziato sfarfallio delle pinne natatorie e per i continui colpi stabilizzanti della flessuosa coda di un bel rossosangue, me ne sto chetocheto avendo cura di soffocare sul nascere i frizzi argentati delle mille bollicine che fuoriescono eccitate dalle mie labbra bargigliute…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I TACCHINI
Questa è la poltrona di mio cugino Miguel. E lì c’è il suo adorato Alfredo, coniglio rosso di Borgogna di Read more.
COSTA OVEST – 01
  … e tu mi accompagnavi tra i turisti e i bagnanti / spiaggiati su un lido della Costa Ovest Read more.
ALLUDO
Flutti rotti. Vetri. Incagli. Voce! “Sono il tuo pupo”. Spirale gutturale. Di pancia. “Dove mi hai messo?” – Sclerato, lacerato Read more.
SPORE – 509
la cosa, però, è finita lì. Read more.
MINIERISMO
a un tratto, era una giornata invernale, abbiamo visto uscire da sotto dei tizi sporchi di fango dappertutto mi raccontò Read more.
ESTATE ’96
Ci spalmammo l’argilla sul corpo e in pochi minuti sentimmo le giunture rigide, la pelle incrostata, era bello però avanzare Read more.
6)
dove tutto è pigro e grigio i miei occhi guardano il sole varcare la soglia – le foglie sono morte Read more.
#
succhia l’occhiello per rimbandolare il filo di pezza della bambola. succhia le mammelle. ha l’estetica del gesto, la pornografia dell’atto, Read more.
BUCHI 3.
Sei in punizione nel contorno. A volte intorno è bianco. Nella terra è più difficile è meno distinto. Nell’asfalto si Read more.