COSO

Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo per come lo conoscevo è in un istante finito.

Ogni poesia sovrapposta ad altra ad altre: questa, che mio padre la spia ha scoperto mischiando d’istinto due piani, in un piano malamente sovrapposto a una prima copia di se stesso. Vedo lo scarto: come un’ombra attraverso carta trasparente intorno a ogni lettera che mi suggerisce il doppione; nella scopa due carte non occupano mai esattamente la stessa superficie sul tavolo: ora vedo la carta la carta e il tavolo, guardo mio padre la distanza perdere senso come una parola ripetuta troppe volte e poi è il mio turno… e questo sfogliare che credevo finzione dei libri – così crede mio padre il bugiardo – è uno sfogliare identico e altro che credevo finzione del vero – così credevo io mal sovrapposto a mio padre a me stesso alla carta alla carta al tavolo a una poesia di un coso con due gambe.

 

 

da “Volevo fermarmi a tre righe ben scritte” (Gorilla Sapiens Edizioni 2019).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.