DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (6)

Le parole di MacLoss turbano i ragazzi e le ragazze della Carne Torta, geneticamente regolati su elevati livelli di sensibilità. Si picchiettano confusi i becchi di passero sui petti, generando una musica simile al suono di nacchere al vento.

“Stringi sui becchi.” – “Voi… dateci dentro coi primi piani.” – “Ne voglio tre in contemporanea.” – “Quanti saranno? Riesci a contarli?” – “Dicono che sia il loro modo di combattere lo stress.” – “Fanno tenerezza, vero?” – “Sembrano bambini sul seggiolone a cui è caduto il becco al posto del ciuccio.” – “Filmato tutto?”

“Adesso”, prosegue MacLoss, “vi prego di alzare le mani e di condividere con me forse il momento più solenne di questo meeting…” – selva di mani che si solleva simultaneamente – come farfalle timide le dita – cerchi di luce dei riflettori corrono a zig–zag sul pubblico. “Intoniamo insieme l’Inno delle Nazioni Ambientali.”

Dagli altoparlanti in sala parte la musica – le luci si spengono – solo MacLoss resta illuminato e immobile al centro del palco. Tutti cantano:

 

PUOI SENTIRE IL SUONO DI MADRE TERRA

È COME IL SUONO DEL FRAGORE DI MOLTE ACQUE

È IL SUONO DELL’ADORAZIONE CHE PROVIENE DAI NOSTRI CUORI

SONO GRIDA DI ADORAZIONE INNALZATE DA PERSONE DI OGNI LUOGO

ALZATE LE VOSTRE VOCI PER FAR CONOSCERE IL SUO NOME

CANTATE

 

PUOI SENTIRE LA PAROLA CHE CREO’ L’AMORE

E POI LA DISSE A OGNI CUORE

AMIAMOCI INSIEME TRA GLI ULIVI E GLI ABETI

NEI LAGHETTI E NEI TORRENTI

LAVIAMO VIA LA SPORCIZIA DEL PIANETA CON LA GIOIA

CANTATE

 

LA PAROLA DI MADRE TERRA E’ VERITA’

ADESSO LEI E QUI NEI NOSTRI CUORI

HA SQUARCIATO I NOSTRI PETTI DI FOTOSINTESI D’AMORE

ALZIAMOCI CON LEI E RISPLENDIAMO

VOLGIAMO I NOSTRI OCCHI LONTANO

AL PIANETA CHE VERRA’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.