ACQUA DAVANTI E VENTO DIETRO

 Divembre.  2.3.

-: un sole pigro tarda, ma ‘la tardanza’, come usano dire da queste parti  , ‘non è mancanza’, a risalire l’annoiato cielo domenicale. Poi cerco e subito trovo la mia Ford  laggiù, dove l’ho posteggiata …Ieri sera? …Ieri notte? …O forse l’altro ieri notte?…,  alla fine di una delle tante, anguinee viuzze confluenti nello slargo davanti al bar. So che mi basta un solo cenno del capo, un fischio modulato in una certa maniera perché questa, ammaestrata a dovere, corra, ma che dico, voli verso di me! …Ma …Caspita! Zoppica! E vistosamente! Un nero lembo di camera d’aria stellato da vivide particole argentate sporge tra il cerchione e il pneumatico anteriore destro. Fuorché per il colore, da come rotea e ondeggia nell’aria mi ricorda la bavosa lingua penzoloni di un randagio sorpreso durante i suoi interminabili calabronaggi dalla canicola estiva… Già molto prima che l’auto claudicante termini la sua breve, impedita corsa, giusto dentro, neanche a farlo apposta, quella vecchia, mutevole pozzanghera in agguato da settimane nelle immediate vicinanze del bar, prevedo che non solo dovrò obtorto collo avventurarmi in punta di piedi in mezzo a quelle plumbee acque maleodoranti, ma che dovrò anche, una volta aperti cofano e bagagliaio, fingermi credibilmente sorpreso e, di conseguenza, visibilmente contrariato per non aver trovato la ruota di scorta ‘dimenticata’ da giorni dal gommista e per ‘ lagnusia’ non ancora recuperata, nonché, dopo aver rimosso il martinetto e il girabacchino, dovrò per giunta affaccendarmi per una intera scarsa mezz’oretta con mani più schifiltose che inesperte attorno a quei quattro caparbi bulloni infangati senza riuscire a fare un occhio ad una pupa! Immaginate perciò la mia  meraviglia nel vedere barista e cammarero accorrere in mio aiuto dopo avere – cosa questa incredibile, conoscendoli – mandato senza tanti complimenti a quel paese gli esigenti clienti, il cui numero, per la cronaca, nel frattempo è quadruplicato. Cosicché, sollevato da questa fastidiosa incombenza manuale, non trovo altro da fare che impiegare questo rimasuglio di tempo fortunosamente riguadagnato a ficcanasare con occhi più oziosi che curiosi nei tascuti meandri bui del bagagliaio. Dimenticata da chissà chi,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.