TAM TAM

Tu lo vivi
insieme a me
questo tempo,
che ti ripaga
in sigarette
fumate in piedi
appoggiato alla colonna
del parcheggio aziendale
ai margini di una
pozzanghera nera
e poche auto a beccheggiare.
Oppure in colori
nei vasi a fiorire,
mentre la tua schiena poni
su spalliere ergonomiche.
Tu lo vivi
insieme a me
questo tempo,
che ti ripiega
nel ventre infernale

di una catena
di montaggio,
e ti asfissia
e ti sbianca le nocche strette
attorno a uno sterzo
d’auto, un solo corpo
di carne, resina e metallo.
Capirai dunque il privilegio
di percorrere quei viali di marmo
e cemento, senza vento,
che conducono al frigorifero
delle occasioni,
fra siepi mobili in poliestere,
giovanotti chiassosi
e panchine multicolore.
Non devo loro nostalgia
né rimpianto o desiderio.
Asettici anestetici,
neutri templi all’inesistenza.
Sfilare invisibile
fra gli invisibili.
Annientarsi piano piano
e finalmente scomparire.

 

(estratto da Il Logorio della vita Moderna, 2021, su autorizzazione dell’autrice)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.