LE CANTINE DI LISBONA

Roberto Bolaño lavora come custode in un campeggio: deve coprire i turni di notte e
durante le veglie forzate scrive i suoi romanzi.
Franz Kafka lavora come impiegato per una compagnia d’assicurazioni: il silenzio
notturno della casa e della città gli permettono di scrivere i suoi romanzi.
Di notte scendo nella cantina del fabbricato in cui abito: non ho bisogno di accendere
la luce perché basta quella che filtra dal finestrone a livello stradale.
Kafka e Bolaño mi salutano con un gesto della mano.
Mes amis, dico loro, nous, les chiens romantiques, nous allons écouter maintenant
l’Allegretto de la Septième – è la parola d’ordine concordata da tempo tra di noi:
Bolaño solleva l‘indice e il medio tra i quali regge la sigaretta accesa (è il suo gesto
d’assenso), Kafka preme il tasto del mangianastri portatile. Dopo l’Allegretto
converseremo per tutta la notte.
Perché Lisbona è, a livello stradale, un collassare dello spaziotempo, un vortice
d’improbabilissime, incongrue coincidenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.