HERISAU

Incongrua una macchina per cucire all’ombra delle betulle. Congruo il grido della civetta nella notte.

Poi comprende che i lembi del paesaggio, del testo, della mente, vanno cuciti mosaico dell’esistere e del pensare (sono vulcani nascosti nella luna del giorno).

I solstizi sulla banderuola segnavento della farmacia tracciano traiettorie di precisione e di lontananza e ai vetri, lungo la piccola stadera sul bancone, negl’intagli degli armadi la luce gradua il giorno.

Al margine del paese un ex-impresario di milonghe ha preso in gestione il molto malmesso campo di volo, ne ha rattoppato l’hangar, studia l’anemometro e qualche volta si ricorda delle sale da ballo lungo il Río de la Plata.

Alla curva della camionabile una bicicletta sembra attendere (oramai da anni) qualcuno che la inforchi: ogni giorno passa da lì e sempre prosegue la sua passeggiata a piedi.

In inverno la neve ricopre la macchina per cucire e visibili le tracce della volpe all’intorno simulano lunghissime linee di scrittura senza alfabeto (solo i binari seguono direzioni certe, indiscutibili).

E anche in estate l’ombrello al braccio o impugnato alla sua esatta metà è un talismano senza volontà di potere.

In passato aveva raccolto lacerti di scrittura su pezzi di carta da scarto – e s’accumulava l’opera, s’inabissava dentro scatole che avevano contenuto calzature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.89
Eraso il fiume, colma la catastrofe che sul prossimo teschio pervade la breve vita che fu concessa alle due gemelle Read more.
IL TRAM DI BIERMANN
Berlino, Chausseestraße, civico 131; Wolf Biermann vi registra, nel 1968, l’album omonimo usando il proprio appartamento come sala d’incisione, un Read more.
SENZA SCARPE
La sua cecità era smisurata, altissima come un monte di trenta piani. Lui correva sul filo dell’alta tensione senza muovere Read more.
(DALLA MEDIA ESTATE/4)
I padri archiviavano i torti nella pace a terrazze degli orti, una pace a portata di mano, all’alba, quand’era più Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (6)
Le parole di MacLoss turbano i ragazzi e le ragazze della Carne Torta, geneticamente regolati su elevati livelli di sensibilità. Read more.
ACQUA DAVANTI E VENTO DIETRO
 Divembre.  2.3. -: un sole pigro tarda, ma ‘la tardanza’, come usano dire da queste parti  , ‘non è mancanza’, Read more.
LACRIMAE RERUM 14
Il canto del perdono   Il ragno che tesse la sua tela non conosce lo splendore dell’intreccio, e la mosca Read more.
LA MUSICA NON È (MAI) FINITA – 06
“E già gli va bene. Che poi me li ricordo quei video dove si mostravano tutti come dei supervanitosi e Read more.
C’ERANO MIRACOLI
c’erano miracoli, l’abitudine di gridare, e ora sentimenti vorticosi di uniforme disagio. mi sono recentemente laureato in un modulo di Read more.