HERISAU

Incongrua una macchina per cucire all’ombra delle betulle. Congruo il grido della civetta nella notte.

Poi comprende che i lembi del paesaggio, del testo, della mente, vanno cuciti mosaico dell’esistere e del pensare (sono vulcani nascosti nella luna del giorno).

I solstizi sulla banderuola segnavento della farmacia tracciano traiettorie di precisione e di lontananza e ai vetri, lungo la piccola stadera sul bancone, negl’intagli degli armadi la luce gradua il giorno.

Al margine del paese un ex-impresario di milonghe ha preso in gestione il molto malmesso campo di volo, ne ha rattoppato l’hangar, studia l’anemometro e qualche volta si ricorda delle sale da ballo lungo il Río de la Plata.

Alla curva della camionabile una bicicletta sembra attendere (oramai da anni) qualcuno che la inforchi: ogni giorno passa da lì e sempre prosegue la sua passeggiata a piedi.

In inverno la neve ricopre la macchina per cucire e visibili le tracce della volpe all’intorno simulano lunghissime linee di scrittura senza alfabeto (solo i binari seguono direzioni certe, indiscutibili).

E anche in estate l’ombrello al braccio o impugnato alla sua esatta metà è un talismano senza volontà di potere.

In passato aveva raccolto lacerti di scrittura su pezzi di carta da scarto – e s’accumulava l’opera, s’inabissava dentro scatole che avevano contenuto calzature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.