UN FILM NEL WEEKEND

si comincia col cambiare le parole e si conclude con balletti sghembi para cubisti che figlio e figlia offrono ai genitori compiaciuti per poi passare alle performance sessuali con una donna noleggiata allo scopo dal papà il ragazzo più svogliato che impacciato la sorella più curiosa e a suo modo di fantasia questa è casa  dell’essere

 

una lingua che non nega o afferma non implica non prega  scritta  è assenza cantata non si comprende parlata  nei giorni dispari guida concreta nei pari orienta al celeste esempio è non è come il morto non passa e vivo si adagia nel medesimo tempo della zanzara finita cambia i significati

 

lo so non sei l’unica ad avere simpatia per i pompieri anni fa a parigi mi trovai a  seguire la grande sfilata per la festa nazionale della repubblica carri armati missili militi di tutte le armi generali sopra blindati dritti tagliavano la folla giudiziosamente compatta  transennata ai lati ammirata quasi silenziosa  quando  inaspettato un boato di applausi appassionati salutò l’arrivo e il passaggio dei pompieri caschi neri  bocchettoni d’ottone e  volti  soddisfatti e  grida di giubilo fazzoletti al vento motteggi arguti così l’austera parata si  trasformò in una festa a strascico di fanciulle di ogni età bambini e giovanotti

 

non credere poi che ieri sia stato in campagna il tecnico del computer mi ha dato l’aut aut o il weekend o se ne sarebbe parlato tra due settimane perché ha la zia a cui badare durante i feriali e terre nei festivi così ha fatto tutto oggi è arrivato alle 11.00 ed è andato via alle 19.00 dopo aver copiato incollato scaricato  installato  programmi e raccontato di figli sorelle ed ex a parte la parcella che non è stata poco ha chiesto due euro per la metropolitana ma l’importante ora è che funzioni tutto e i progetti si siano ritrovati come se non fosse successo niente tranne il tempo perso e  me ne sono uscito

 

omani tornerò entro cena sarò in città dopo una giornata tranquilla: in mattinata messaggi di Valeria che sta male ma non vuole fare un esame medico già prenotato  quindi scrittura di convincimento evitando rampogne e minacce nessuna risposta nel pomeriggio tre visite: mastro camillo che mi vorrebbe regalare una motozappa strumento sollecitato dal nuovo contadino che però andrebbe aggiustato con una certa spesa poi il prof cannonito che mi ha consigliato di pagare i contributi al nuovo contadino di farmi la partita iva  e di comprarmi una motozappa nuova infine il pastore cugino del nostro  vicino che ha messo un po’ di materiale di risulta nella strada vuole la mia quota contributo e accontentato  mi ha regalato un cestello di ricotta che teneva con sé in un paniere sono arrivati tutti contemporaneamente ma all’insaputa l’uno dell’altro e nella dinamica di un bisticcio in atto tra mastro camillo che non si parla con  il pastore per una vecchia storia raccontata poi dal professore ma di cui non ho capito nulla e poi discussioni con professore che sconsiglia di prendere una motozappa usata e non vorrebbe che tagliassi l’erba per gli armenti e i fiorellini poi considerassi l’ermeneutica come logica dell’ontologia e ancora in serata un whatsapp di malu che vedendo i fiorellini nei miei interventi social per contrappasso mi ha mandato una foto di una strada vicino il suo ufficio intasata dal traffico l’ho ringraziata e le ho fatto gli auguri per le prossime festività ora cucinerò tu?

 

non ti ho detto che l’altro giorno invitai i commessi a smontare quel  treppiedi esposto giù in vetrina  per verificare la possibilità di avvitare la macchina fotografica con l’obiettivo rivolto verso il basso  i due giovani  si destreggiarono tra snodi e aste telescopiche ma  alle prime difficoltà di assemblaggio dissi che sarei passato il giorno dopo per l’acquisto e invece  non mi sono fatto vedere e come avrai capito sono andato in campagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LACRIMAE RERUM 10
Rondini che planano alte nel cielo rivelano immensità nell’azzurro, sfiorano il caldo viso dell’estate garrule come bambini che giocano a Read more.
FUORI LUOGO IL TEMPO (5)
Quando ha dato inizio al movimento c’ero,   sulla spalla di Dio esplosivo,   discreta come pulviscolo   emettevo un Read more.
TURISTI
Non lo sanno i turisti, no, quali sono i vicoli dove più soffia il vento forte, né dove non ha Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.84
Col viso al minimo sguardo Liliale la donna che fu Quando l’alfabeto era smilzo E senza storia il feto innamorato. Read more.
MICHAUX e altre cose (94-95)
3   nevicava paglia sulla luna storta. petali astratti sul sedentario bendato. e i biscotti pizzicati gli mordevano la lingua. Read more.
GATTOMAMMONE
2   Voci che favoleggiano d’incontri ai limiti del deliquio, tramandate da epoche in cui avventurarsi nelle campagne notturne era Read more.
ESICASMO (6)
Gli apostoli dello Zòon Politikòn portavano a spasso i lupi e sogghignavano… benvenuti nell’universo altro dove forse non troverete l’esicasmo, Read more.
UN VERO SPASSO
Occhiali, protesi acustiche, dentiere, gambe artificiali, cinture ortopediche, parrucche. Ecco la nostra coriacea sostanza. Ecco la nostra cremosa consistenza. Gli Read more.