PER UNA MITOLOGIA DADA

nella mitologia greca, achille era un eroe della guerra di troia, il più grande di tutti i guerrieri greci. all’inizio della sua vita, a causa di una malattia congenita, ha trovato rifugio nei libri e nei racconti. e poi c’erano dolori crescenti. ha rotto con una ragazza. è stato spinto ad accettare un pacchetto di  ridondanza al suo lavoro. a casa, la paura circoscriveva il raggio di sicurezza intorno a lui nel capanno sul retro del giardino o dietro il frigorifero. si costringeva a uscire di casa ogni giorno, ma riusciva a malapena a salire su un aereo, tanto meno a lasciare il paese. l’areo richiamava il paradosso di zenone dell’arrivo in uno spazio dai confini poco chiari: data una scacchiera nxn e un cavaliere in posizione (x,y), qual è la probabilità che il cavaliere rimanga nella scacchiera dopo aver sognato continuamente tutta la notte. nel generare una risposta di lotta o fuga, intrecciata con immagini di alimentazione o nutrimento primario, agiva nel modo seguente: mangiando il legno attorno al bordo del presepe, distruggendo così il suo valore di vendita. queste reazioni gli insegnarono ad affrontare le domande sugli ideali morali e sulla virtù umana, e sui limiti dell’etica applicata. la sibilla gli predice che quando il re di danimarca, suo padre, morirà improvvisamente nell’ottobre del 1918, in una giornata così tranquilla e ferma su tutto il fronte, sua madre sposerà suo zio, che diventerà il nuovo re. le stelle sembrano cospirare contro questo giovane amante per un effetto illusionistico del discorso. a metà gennaio 2016 aveva percorso più di ottocento miglia e praticamente ogni parte di lui era in agonia. qualcuno ha pensato di scattare una foto e catturare l’attimo e poi l’ha caricata online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LACRIMAE RERUM 10
Rondini che planano alte nel cielo rivelano immensità nell’azzurro, sfiorano il caldo viso dell’estate garrule come bambini che giocano a Read more.
FUORI LUOGO IL TEMPO (5)
Quando ha dato inizio al movimento c’ero,   sulla spalla di Dio esplosivo,   discreta come pulviscolo   emettevo un Read more.
TURISTI
Non lo sanno i turisti, no, quali sono i vicoli dove più soffia il vento forte, né dove non ha Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.84
Col viso al minimo sguardo Liliale la donna che fu Quando l’alfabeto era smilzo E senza storia il feto innamorato. Read more.
MICHAUX e altre cose (94-95)
3   nevicava paglia sulla luna storta. petali astratti sul sedentario bendato. e i biscotti pizzicati gli mordevano la lingua. Read more.
GATTOMAMMONE
2   Voci che favoleggiano d’incontri ai limiti del deliquio, tramandate da epoche in cui avventurarsi nelle campagne notturne era Read more.
ESICASMO (6)
Gli apostoli dello Zòon Politikòn portavano a spasso i lupi e sogghignavano… benvenuti nell’universo altro dove forse non troverete l’esicasmo, Read more.
UN VERO SPASSO
Occhiali, protesi acustiche, dentiere, gambe artificiali, cinture ortopediche, parrucche. Ecco la nostra coriacea sostanza. Ecco la nostra cremosa consistenza. Gli Read more.