NON PENSATECI NEANCHE

Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, se un brizzolato sfoglia la pagina della cultura, se i tavoli sono in legno, se la sigaretta può cadere nell’interstizio da un momento all’altro, se si rimane un quarto d’ora ipnotizzati dall’interstizio, se i taglieri sono di salumi e formaggi selezionati, se le zionati, se nel brusio si confondono io dio zio bio, se le labbra che si chiudono sul bordo di un bicchiere sono lente e sensuali, se non ce n’era alcun bisogno, se anche il rosato è ottimo per me che di solito non bevo rosato no figurati neanch’io però, se una camicia a quadri fuori dai pantaloni si lamenta di quel che è diventata, se in diffusione c’è un brano che forse non ci meritiamo, se tutti si vestissero un po’ peggio o un po’ meglio, se ti senti come a casa tua quando leggi un libro, se la conversazione non langue mai, se non langue nemmeno a provarci sul serio, se tutti si interrogano sull’ultimo film, se davvero non m’interessa vederlo, se si fa troppo poco per la cultura in questo paese, se anche noi nel nostro piccolo poi, se ognuno si impegnasse nella quotidianità, se si vuol portare qualcosa in qualche posto come il teatro nelle scuole la lettura in piscina le crocchette nei saggi di storia i cani a passeggio l’auto dal carrozziere gli anziani in discoteca la musica da camera in una macchina fotografica, se avessi ordinato da meno di quaranta minuti, se la ripetizione la combinatoria a casa tua quando leggi un libro un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare se la ripetizione la combinatoria del detto del fatto fossero consapevoli, se non mi fossi sorpreso a guardare il culo della ragazza che sta andando via improvvisamentre lui va pagare a cagare, se una buona volta mi decidessi ad alzarmi e a impugnarmi come una pistola.

 

da “Sottrazione” (Gorilla Sapiens Edizioni 2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DI DOMENICA
Mi piace di domenica andare nei paesi dove non conosco nessuno. Come ospite non invitato curiosare fra strade che non Read more.
DIDASCALIE 6
1. Dove finisco io E dove cominci tu Che sei sempre io E pure non lo sei più 2. Una Read more.
AFORISMI IN SOSPESO
siamo il risultato di   un esordiente attempato può ancora   il cane muore dalla felicità dopo aver rivisto   Read more.
(PRIMO E SECONDO ADDIO)
Non esistono addii, al paese: Ci incontriamo e poi ci salutiamo, Alla prossima volta, anno stagione mese – Niente addii, Read more.
FREDDO
A una sconosciuta dal senno lunare.     Poi si è voltata un giro, due tre, la giacca lunga il Read more.
DIVELLERE
possono trasmutare l’uno, e prima ancora la ragione, per forma di malaria. sono situazioni. soltanto Ippocrate sostenne che una quantità Read more.
LACRIMAE RERUM 16
(ripelliniana)   “Lasciatemi in pace, sarabanda di grida, cacofonia di demoni che bussano con facce grifagne ai vetri invocando la Read more.
CHIROMANZIA
Chissà perché scorrono per rincorrersi senza trovare il punto, assetate e incallite, testarde di pieghe. Chissà perché si biforcano e Read more.
NON PENSATECI NEANCHE
Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, Read more.