ASP

attaccata al cerchione

dell’auto che non parte

sul filo del bracciale

nel lembo molle del lenzuolo

sulla corona zigrinata dell’orologio da tasca

nelle pallottoline dei maglioni sconciati

sull’insegna del distributore

empie tutta la pagina

fortifica lo spirito

sul sigaro ghigliottinato

in ogni forma di redenzione

nello scorrere d’un’immagine nell’altra

tra le righe abrase delle cinquecentine

negli equivoci e gli abbagli speculativi

sulla punta della penna che non scrive

nel fondo sovrapposto a altri fondi

nei quadri e nei loro antefatti genetici

nei continui forsennati affannosi

travestimenti della solitudine

nei dettagli irrelati

in bocca alla coppia di gufi tra le frasche

asp nei fotogrammi bloccati

per meglio capire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I TACCHINI
Questa è la poltrona di mio cugino Miguel. E lì c’è il suo adorato Alfredo, coniglio rosso di Borgogna di Read more.
COSTA OVEST – 01
  … e tu mi accompagnavi tra i turisti e i bagnanti / spiaggiati su un lido della Costa Ovest Read more.
ALLUDO
Flutti rotti. Vetri. Incagli. Voce! “Sono il tuo pupo”. Spirale gutturale. Di pancia. “Dove mi hai messo?” – Sclerato, lacerato Read more.
SPORE – 509
la cosa, però, è finita lì. Read more.
MINIERISMO
a un tratto, era una giornata invernale, abbiamo visto uscire da sotto dei tizi sporchi di fango dappertutto mi raccontò Read more.
ESTATE ’96
Ci spalmammo l’argilla sul corpo e in pochi minuti sentimmo le giunture rigide, la pelle incrostata, era bello però avanzare Read more.
6)
dove tutto è pigro e grigio i miei occhi guardano il sole varcare la soglia – le foglie sono morte Read more.
#
succhia l’occhiello per rimbandolare il filo di pezza della bambola. succhia le mammelle. ha l’estetica del gesto, la pornografia dell’atto, Read more.
BUCHI 3.
Sei in punizione nel contorno. A volte intorno è bianco. Nella terra è più difficile è meno distinto. Nell’asfalto si Read more.