VITA DI LUCULLO SOTTO CECILIA METELLA

In uno dei brani pubblicati da “ Il Cucchiaio nell’orecchio” in data 29 maggio 2021 – Gli Istrici, di Gaetano Altopiano, racconto del conte di D’Artagnan e della sua letargia – l’autore ha commesso più di un errore. É una parente da Castrofilippo che lo segnala, parlando per l’esattezza non tanto di refusi, o spropositi, quanto di vere e proprie omissioni che a detta della signora sarebbero fondamentali. Si tratta dei seguenti passaggi: 1) da un suono fatto solo di numeri tre ricamati a mano, per cominciare, si passa a un odore di linfonodi e ghiandole tronche senza passare lungo la rotta delle gru alsaziane – e il che è impossibile; 2) dal camice di lamiera bugnata del medico che visita il conte manca il primo  bottone, sul letto non c’è la cartella clinica – niente dimostra che l’uomo soffra di letargia; 3) per risalire allo zero assoluto bisogna scendere piani, trombe di scale, prendere ascensori e montacarichi, fin sotto il livello dell’acqua marina – cui invece si arriverebbe più agevolmente da uno sportello secondario che l’autore conosce alla perfezione; 4) si nega una descrizione esatta della natura – ossia, sembra che non ci sia alcuna natura visibile;  5) mancano dettagli basilari, come concetti del tipo: chi era l’elettrauto Pippo Corno? chi la donna che soffiava agli orecchi? cosa ossessionò Bioy Casares fino alla morte?; 6) mancano i due orizzonti, il senso di spossatezza, la descrizione del rene artificiale: il sangue che affluisce, viene dializzato, defluisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DI DOMENICA
Mi piace di domenica andare nei paesi dove non conosco nessuno. Come ospite non invitato curiosare fra strade che non Read more.
DIDASCALIE 6
1. Dove finisco io E dove cominci tu Che sei sempre io E pure non lo sei più 2. Una Read more.
AFORISMI IN SOSPESO
siamo il risultato di   un esordiente attempato può ancora   il cane muore dalla felicità dopo aver rivisto   Read more.
(PRIMO E SECONDO ADDIO)
Non esistono addii, al paese: Ci incontriamo e poi ci salutiamo, Alla prossima volta, anno stagione mese – Niente addii, Read more.
FREDDO
A una sconosciuta dal senno lunare.     Poi si è voltata un giro, due tre, la giacca lunga il Read more.
DIVELLERE
possono trasmutare l’uno, e prima ancora la ragione, per forma di malaria. sono situazioni. soltanto Ippocrate sostenne che una quantità Read more.
LACRIMAE RERUM 16
(ripelliniana)   “Lasciatemi in pace, sarabanda di grida, cacofonia di demoni che bussano con facce grifagne ai vetri invocando la Read more.
CHIROMANZIA
Chissà perché scorrono per rincorrersi senza trovare il punto, assetate e incallite, testarde di pieghe. Chissà perché si biforcano e Read more.
NON PENSATECI NEANCHE
Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, Read more.