ATENEO

Che Tripaldi sia uomo degno di stima è un fatto assodato, al di qua come al di là della posizione che ricopre nell’Ateneo.

Il suo attuale rovello riguarda il nome da assegnare alla specie. Sostiene sia vissuta tra 10208 e 10161 anni fa, consumandosi per definizione nel computo di tre generazioni. La sua storia è interamente contenuta tra i boschi cedui a sud-est della nostra città: non c’è prova, a detta del professore, che i quattro esemplari abbiano mai oltrepassato il fiume.

L’istinto, ha spiegato Tripaldi nella conferenza di ieri pomeriggio, tenutasi in Aula Magna alla presenza di un corpo docenti quasi al completo, impediva ai figli di sopravvivere ai genitori. In altre parole, impediva ai genitori di non uccidere i figli.

L’unico maschio nato dalla prima coppia fu sgozzato a mezzo artigli all’età di trentuno anni, pochi giorni dopo aver divorato il figlio nato dall’unione con sua madre, la quale si trovò a essere madre e nonna di suo nipote. La femmina morì, ormai sterile e per così dire vedova – il primo maschio era deceduto due anni prima – all’età di quarantasette anni.

Come abbia fatto Tripaldi a ricostruire dettagliatamente l’accaduto – argomento solo accennato in Aula Magna – rimane per ora un mistero, che promette di essere svelato nel mese di aprile – Tripaldi si è imposto questa scadenza –, quando saranno contestualmente annunciati il nome della specie e quello del corso di laurea a essa dedicato, attivo già dal prossimo settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER UNA CUCINA DADA
storicamente, il motivo principale per l’aggiunta di sale al cibo era la particolare capacità di questo pigmento blu di migliorare Read more.
MANNA PIOVANA (25)
Ottobre. Jazz fine anni cinquanta gondola in laguna tra San Marco e la Salute sagome scure indistinguibili si capisce son Read more.
PROFESSORE SCAPPATO
Arrivo baldanzoso davanti alla porta di casa, comunemente detta uscio di casa. (Non è stato facile, ci son voluti sforzi Read more.
LACRIMAE RERUM 6
“Da qui non si torna più indietro”, disse. “Perché?”, chiese. “Non vedi che puoi abbracciare tuo padre ora?”. E allora Read more.
VERSO
Nascosto fra i panni sporchi, un gatto elettrico ci guarda con i suoi occhi a lampadina gialla, mentre noi due, Read more.
[NOSTRE MENTI COMUNICANTI]
nostre menti comunicanti nervi atrofizzati arrivano a tutto e non riportano riflesso:   e ci propongono nemmeno parodie ma manipolazioni Read more.
PARTE DELLA CATENA GANGLIARE
I più antichi colonizzatori delle terre emerse sembra siano stati i cognomi costituiti da uno scheletro esterno, non quelli con Read more.
CON LA MONETA
Con la moneta corrente di un paesaggio i morti ci ripagano, non vanno, anzi, ritornano qui altrove nei paraggi, sul Read more.
OGNI TABELLINA HA UN SUO COLORE
Ogni tabellina ha un suo colore, come la mattina dalla finestra che va dal blu all’arancione.   Quella del tre Read more.