NOTA FINALE

la vicinanza, bottiglie piene di latte, la mappa genetica, i colossi del commercio online, una chiocciola, le cavie, i dollari, la falange, gli alimenti, un bonus, che intacchi, la parestesia, destinatari di forme di supporto diretto, la produzione, l’eccellenza, i decreti del governo, la classe dirigente, la spalla, lo splendido piumone, lo speck, un materasso matrimoniale, in appendice a una frontiera, al mutamento, al progetto che attraversi, a un incrocio necessario, a un lemma breve, a un filo d’olio, al principio, il più generoso, alla frequenza, ai profitti, a un prodotto riservato, a un dehors, a una spiaggia da cui ammirare, che ricarichi, che corroda, oltre lo sguardo, l’ordine, la scissione che riprenda, i trattamenti di riguardo, il voto, i punti, la qualità, le fonti, la pregnanza espressiva, la disposizione delle ali, la faesite, i solfuri, gli ossidi, i mitocondri, oltre un tipo di habitat personale, la vocazione, il concetto di abitare, i filamenti elettrici, l’arriccio, i silicati, la presenza che ripeta, la cassa integrazione, i più grandi del mondo, in balia di cavi, gingilli, sinopie, cavità, dettagli, lingue, orme, termini, cartografie, contraddizioni, di prelievi, orpelli, bacche, cereali, fatture elettroniche, calze di nylon, lattosio, imbarazzo, caramello fondente, di pasti a base di carne, che manchi, zero pensieri, i più teneri del momento, del tema della morte, in balia dell’astensione, che ingoia il ravanello, il cerfoglio, la lattuga asparago, la rapunzia, la salicornia, il tanaceto, il sesamo bianco, il dragoncello, il radicchio tardivo,la lattuga dei minatori con fiori di aglio, il basilico, il nasturzio rubino, la maggiorana, il prezzemolino, i semi di chia, la rosa canina, il timo limone, la pimpinella, i fiori di lino, la carota, all’interno di un forno, uno studio di avvocati, un laboratorio, una catena di montaggio, di una ferramenta, di una pasticceria, all’interno di un opificio pieno di lastre di cemento, di una sala macchine, di un macello, un antro, un albergo nel ghiaccio, un tronco millenario, una segheria, una risaia, un cubo di vetro all’interno di uno spazio espositivo all’interno di un museo all’interno di una cinta fortificata, che insegue un bosco di montagna, le orme nel fango, un fiume nella notte, un piano su cui fondare l’origine della specie, la più adatta, che sopravviva, che insegue un fossile, all’interno di un ghiacciaio, oltre il confine, in appendice a una valle, in balia delle intemperie, che inseguono orsi, volpi, lupi, cinghiali, tassi, donnole, ricci, faine, stambecchi, vipere, gufi,caprioli, che ingoiano foglie, radici, frutta, cortecce, tannini, in appendice a un apparato, il più passivo, oltre l’assenza di senso critico, che ingoia un conto corrente, in appendice a un quesito, che ponga, in balia di un’ossessione: all’interno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.89
Eraso il fiume, colma la catastrofe che sul prossimo teschio pervade la breve vita che fu concessa alle due gemelle Read more.
IL TRAM DI BIERMANN
Berlino, Chausseestraße, civico 131; Wolf Biermann vi registra, nel 1968, l’album omonimo usando il proprio appartamento come sala d’incisione, un Read more.
SENZA SCARPE
La sua cecità era smisurata, altissima come un monte di trenta piani. Lui correva sul filo dell’alta tensione senza muovere Read more.
(DALLA MEDIA ESTATE/4)
I padri archiviavano i torti nella pace a terrazze degli orti, una pace a portata di mano, all’alba, quand’era più Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (6)
Le parole di MacLoss turbano i ragazzi e le ragazze della Carne Torta, geneticamente regolati su elevati livelli di sensibilità. Read more.
ACQUA DAVANTI E VENTO DIETRO
 Divembre.  2.3. -: un sole pigro tarda, ma ‘la tardanza’, come usano dire da queste parti  , ‘non è mancanza’, Read more.
LACRIMAE RERUM 14
Il canto del perdono   Il ragno che tesse la sua tela non conosce lo splendore dell’intreccio, e la mosca Read more.
LA MUSICA NON È (MAI) FINITA – 06
“E già gli va bene. Che poi me li ricordo quei video dove si mostravano tutti come dei supervanitosi e Read more.
C’ERANO MIRACOLI
c’erano miracoli, l’abitudine di gridare, e ora sentimenti vorticosi di uniforme disagio. mi sono recentemente laureato in un modulo di Read more.