I CIRCOLI

Il Circolo dove passo le mie serate considera le bottiglie di spuma un male inevitabile. Le tiene in bella vista, sul bancone. Per i pensionati e gli afflitti da varie patologie.
Col tempo.
Dietro alle spume – al cedro verde zamarro, aranciata, bionda: coca cola mai – ci sono il re e la regina. Il re, senz’ombra di dubbio, è il boccione rosso senza etichette – che poi si dice rosso, ma è quasi nero: infatti si dice anche vino nero. Vabbè.
Il boccione rosso è un campione d’eleganza, è una forma perfetta, un sogno di prodigi infernali. Il boccione bianco è un po’ così, amorfo. Spesso torbido, si insiste a berlo ghiacciato. Io lo bevo temperatura ambiente, che sennò sa di un cazzo.
Sulle mensole stanno i sangue blu: gli amari, wihskyni, rum, dio mio, i rum (Varadero santo subito). Ma anche il Sassolino, dio delle correzioni, il cognac Vettori, da poncini, un vecchio Strega che nessuno ricorda più, Tombolini, che è la marca di un vin santo e di un liquore indefinito che, anche lui, serve per i poncini; la Sambuca, bella come una zingara. E poi i panettoni in offerta, le cioccolatine a venti centesimi, la schiacciata tagliata a fettine sul banco. E l’agghiacciante puzzo di piscio che ti aggredisce le nari appena varchi la soglia del bagno.
I circoli sono patrimonio dell’Umanità, oh ignari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LACRIMAE RERUM 10
Rondini che planano alte nel cielo rivelano immensità nell’azzurro, sfiorano il caldo viso dell’estate garrule come bambini che giocano a Read more.
FUORI LUOGO IL TEMPO (5)
Quando ha dato inizio al movimento c’ero,   sulla spalla di Dio esplosivo,   discreta come pulviscolo   emettevo un Read more.
TURISTI
Non lo sanno i turisti, no, quali sono i vicoli dove più soffia il vento forte, né dove non ha Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.84
Col viso al minimo sguardo Liliale la donna che fu Quando l’alfabeto era smilzo E senza storia il feto innamorato. Read more.
MICHAUX e altre cose (94-95)
3   nevicava paglia sulla luna storta. petali astratti sul sedentario bendato. e i biscotti pizzicati gli mordevano la lingua. Read more.
GATTOMAMMONE
2   Voci che favoleggiano d’incontri ai limiti del deliquio, tramandate da epoche in cui avventurarsi nelle campagne notturne era Read more.
ESICASMO (6)
Gli apostoli dello Zòon Politikòn portavano a spasso i lupi e sogghignavano… benvenuti nell’universo altro dove forse non troverete l’esicasmo, Read more.
UN VERO SPASSO
Occhiali, protesi acustiche, dentiere, gambe artificiali, cinture ortopediche, parrucche. Ecco la nostra coriacea sostanza. Ecco la nostra cremosa consistenza. Gli Read more.