L.E.M.

Gli pseudodialoghi di anall totall, pellicola tedesca di genere pornografico, ebbero un’esclusiva tendenza al fantascientifico. Niente che si potesse paragonare a quelli di altre produzioni del genere, improntate a una recitazione che non occorreva andasse oltre l’inutilità fattuale. Lì, si passava decisamente più avanti: non avevano alcuna relazione con la scena in cui si stavano svolgendo – le frasi viaggiavano nei pochi metri di un bagno pubblico o di una camera da letto senza riferimenti temporali e spaziali, come se fluttuassero a miliardi di chilometri dalla nostra esistenza. Corpi ultraterreni alla deriva, perlappunto. Traslati in un ambiente urbano tipo la sala d’aspetto di un ufficio municipale o l’abitacolo di un tram della sera avrebbero tenuto testa alla migliore letteratura. In bocca a quella signora che in questo momento legge uno scontrino (ore 19:55, linea 244) avrebbero ricordato la crudeltà con cui in certi passaggi trattiamo la nostra vita umana, e in bocca alla ragazza che si alza per scendere alla prossima sarebbero stati luccicanti e essenziali quanto ogni atomo di un pannello di un Lem. Ma era nei cambi di partner e nei primi piani improvvisi che raggiungevano livelli inimmaginabili. Ecco un esempio: “Cammino nell’aria nonostante tutto, il mio respiro è lento, regolare.” – “Come se inalassi ossigeno direttamente dalle profondità dello spazio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.