L.E.M.

Gli pseudodialoghi di anall totall, pellicola tedesca di genere pornografico, ebbero un’esclusiva tendenza al fantascientifico. Niente che si potesse paragonare a quelli di altre produzioni del genere, improntate a una recitazione che non occorreva andasse oltre l’inutilità fattuale. Lì, si passava decisamente più avanti: non avevano alcuna relazione con la scena in cui si stavano svolgendo – le frasi viaggiavano nei pochi metri di un bagno pubblico o di una camera da letto senza riferimenti temporali e spaziali, come se fluttuassero a miliardi di chilometri dalla nostra esistenza. Corpi ultraterreni alla deriva, perlappunto. Traslati in un ambiente urbano tipo la sala d’aspetto di un ufficio municipale o l’abitacolo di un tram della sera avrebbero tenuto testa alla migliore letteratura. In bocca a quella signora che in questo momento legge uno scontrino (ore 19:55, linea 244) avrebbero ricordato la crudeltà con cui in certi passaggi trattiamo la nostra vita umana, e in bocca alla ragazza che si alza per scendere alla prossima sarebbero stati luccicanti e essenziali quanto ogni atomo di un pannello di un Lem. Ma era nei cambi di partner e nei primi piani improvvisi che raggiungevano livelli inimmaginabili. Ecco un esempio: “Cammino nell’aria nonostante tutto, il mio respiro è lento, regolare.” – “Come se inalassi ossigeno direttamente dalle profondità dello spazio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAMA
E’ facile. Basta pensare all’esatto opposto di quello di cui vorresti parlare. Oppure lasciare che una parola ne inneschi un’altra, Read more.
L’IMPORTANZA DELLE LUMACHE E DEI COMPUTER
Dopo il 1848, Matisse non riuscì più a dipingere a causa dei suoi problemi di salute ma, sebbene fosse confinato Read more.
TROMPE L’OEIL
Stanno in bilico sulla curva parete le figure della storia. Alcune si sporgono cercando, altre guardano in alto estranee al Read more.
QUARTTANA
Il giovane Le Mo crede di essere il vecchio cantante Ma Co. Intona i suoi motivi, batte le mani, si Read more.
AI FANTASMI 5: LAVATRICE
bianco detersivo colorati non importa distributore carta magico metallo inserto di livello inizio gira aspetta prelavaggio lavaggio (quanto dura un Read more.
AUTUNNO IN DOPPIO FINALE
l’autolavaggio ha fuori il cartello che spiega le foglie trite e] non consumare a un primo freddo un] fondo di Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.33
Appena nato un giglio già franto Quale lucilla egemone bellezza Per traforo il cuore inguaribile. Susanna mia, bellezza ti sia Read more.
LA BAMBINA DI RAME E DI MIELE
La bambina di rame e di miele appende foglie alle orecchie e si sente una regina.   Ancora non sa Read more.