L.E.M.

Gli pseudodialoghi di anall totall, pellicola tedesca di genere pornografico, ebbero un’esclusiva tendenza al fantascientifico. Niente che si potesse paragonare a quelli di altre produzioni del genere, improntate a una recitazione che non occorreva andasse oltre l’inutilità fattuale. Lì, si passava decisamente più avanti: non avevano alcuna relazione con la scena in cui si stavano svolgendo – le frasi viaggiavano nei pochi metri di un bagno pubblico o di una camera da letto senza riferimenti temporali e spaziali, come se fluttuassero a miliardi di chilometri dalla nostra esistenza. Corpi ultraterreni alla deriva, perlappunto. Traslati in un ambiente urbano tipo la sala d’aspetto di un ufficio municipale o l’abitacolo di un tram della sera avrebbero tenuto testa alla migliore letteratura. In bocca a quella signora che in questo momento legge uno scontrino (ore 19:55, linea 244) avrebbero ricordato la crudeltà con cui in certi passaggi trattiamo la nostra vita umana, e in bocca alla ragazza che si alza per scendere alla prossima sarebbero stati luccicanti e essenziali quanto ogni atomo di un pannello di un Lem. Ma era nei cambi di partner e nei primi piani improvvisi che raggiungevano livelli inimmaginabili. Ecco un esempio: “Cammino nell’aria nonostante tutto, il mio respiro è lento, regolare.” – “Come se inalassi ossigeno direttamente dalle profondità dello spazio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.89
Eraso il fiume, colma la catastrofe che sul prossimo teschio pervade la breve vita che fu concessa alle due gemelle Read more.
IL TRAM DI BIERMANN
Berlino, Chausseestraße, civico 131; Wolf Biermann vi registra, nel 1968, l’album omonimo usando il proprio appartamento come sala d’incisione, un Read more.
SENZA SCARPE
La sua cecità era smisurata, altissima come un monte di trenta piani. Lui correva sul filo dell’alta tensione senza muovere Read more.
(DALLA MEDIA ESTATE/4)
I padri archiviavano i torti nella pace a terrazze degli orti, una pace a portata di mano, all’alba, quand’era più Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (6)
Le parole di MacLoss turbano i ragazzi e le ragazze della Carne Torta, geneticamente regolati su elevati livelli di sensibilità. Read more.
ACQUA DAVANTI E VENTO DIETRO
 Divembre.  2.3. -: un sole pigro tarda, ma ‘la tardanza’, come usano dire da queste parti  , ‘non è mancanza’, Read more.
LACRIMAE RERUM 14
Il canto del perdono   Il ragno che tesse la sua tela non conosce lo splendore dell’intreccio, e la mosca Read more.
LA MUSICA NON È (MAI) FINITA – 06
“E già gli va bene. Che poi me li ricordo quei video dove si mostravano tutti come dei supervanitosi e Read more.
C’ERANO MIRACOLI
c’erano miracoli, l’abitudine di gridare, e ora sentimenti vorticosi di uniforme disagio. mi sono recentemente laureato in un modulo di Read more.