IL RACCOGLITORE

In ufficio è spuntato un vecchio raccoglitore vuoto, stava lì da molti anni, è diviso in scomparti e ogni scomparto conteneva un plico, una cartella. Adesso è vuoto, credo da parecchio tempo. La cosa che colpisce sono i segni che le cartelle hanno fatto sui cartoni rigidi,  per la presenza di cartelle di diversi colori che lasciavano tracce colorate dei margini; poi ci sono tracce di scrittura di chi prendeva appunti e usciva fuori dal foglio, qualche segno o fine di parola, poi numeri di telefono segnati a lato, fuori dalla cartella. Scorrendo i cartoni degli scomparti si vedono appunti veri e propri mischiati a disegni, fatti come passatempo, semplici forme geometriche o figure, verso la fine sempre più ricercati, questi disegni e schizzi, come di chi avesse molto tempo libero, fatti anche con i colori. Alla fine, incollata, una stampa, un paesaggio dell’ottocento, naturalista.

Allora ho pensato: meglio gli schizzi che questo dipinto bello e pronto!

Così ampliando, dietro a questo pensiero semplice si apre un mondo, che potrebbe essere: meglio gli schizzi, gli abbozzi, quando però in sequenza dicono di un impegno di qualcuno a fare qualcosa, anche fuori dal seminato (chi disegnava nel faldone stava togliendo tempo al lavoro) e a prescindere dal loro valore estetico, diciamo, che siano belli oppure no. Però cartone dopo cartone, questo impegno a lasciare tracce, segni, non una sequenza voluta e ragionata ma semplicemente la testimonianza di un impegno delle mani,diverse mani, a cercare di fare qualcosa. Mescolando appunti di lavoro, segni fatti per distrazione e schizzi e disegni scacciapensieri.

Un’etica dei ritagli di tempo, dei segni fatti senza volere durante una riunione o mentre si parla al telefono, di vecchi faldoni di cartelle che bisogna conservare e ogni tanto riprenderli per andare a cercare qualcosa. E alla fine restano vuoti, e pieni di tracce, tracciati insensati, abbozzi, intenzioni, minuti persi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BOTANICA
botanica . rumorino . motorino . faretto . viene avanti Read more.
PIU’ SPENDIBILI VERITA’
Al calare del sole, l’ombra proiettata dal corpo di Annapigotta si allunga a dismisura sino a raggiungere il giovane rasaerba Read more.
LAMA
E’ facile. Basta pensare all’esatto opposto di quello di cui vorresti parlare. Oppure lasciare che una parola ne inneschi un’altra, Read more.
L’IMPORTANZA DELLE LUMACHE E DEI COMPUTER
Dopo il 1848, Matisse non riuscì più a dipingere a causa dei suoi problemi di salute ma, sebbene fosse confinato Read more.
TROMPE L’OEIL
Stanno in bilico sulla curva parete le figure della storia. Alcune si sporgono cercando, altre guardano in alto estranee al Read more.
QUARTTANA
Il giovane Le Mo crede di essere il vecchio cantante Ma Co. Intona i suoi motivi, batte le mani, si Read more.
AI FANTASMI 5: LAVATRICE
bianco detersivo colorati non importa distributore carta magico metallo inserto di livello inizio gira aspetta prelavaggio lavaggio (quanto dura un Read more.
AUTUNNO IN DOPPIO FINALE
l’autolavaggio ha fuori il cartello che spiega le foglie trite e] non consumare a un primo freddo un] fondo di Read more.