da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.27

L’arte è pace comune

Ricettacolo d’epoche

Dove la paura perde

Teche di immagini feroci.

Mi si dia l’estro

Per morire presto!

Lo sediolo del cantuccio

Imita idoli da nulla

fra chimere svampite

coriandoli bruciati.

Meco tornami teco

Sarò felice. Veranda apostata

Il lento buio, balugine quel fu

Del forse sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI FRAMMENTI (17)
un altro diversivo alle ordinarie occupazioni è il sostare davanti le fermate dei tram fingendo di attenderne uno in arrivo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n. 48
Putrefatto sibilo Ci si sfalda in morte Cenerella la stella Per importanza fatua. Oblio a catena Partorisce aria fosforica Famelica Read more.
VARIETY (4 tempi sincopati) – 3
si scarica la batteria piena di tossine immobile salva le mezze misure perché di pazienza meccanica si tratta Read more.
19/10
Tutto trabocca e scivola via con estrema leggerezza (entrando nella stanza) Mala- gioia, quasi il cuore si spezzasse in due, Read more.
AL MONDO
Al mondo esistono persone che non sanno più distinguere fra vero e falso: ecco perché indossano il proprio volto (quello Read more.
IN POMERIGGI ASSOLATI
In pomeriggi assolati d’ombre corte, bui cameroni conservano l’istante e rintoccano servizi d’ore morte, nel fresco dormiveglia dell’infante. Read more.
LA DONNA RECITA
La donna recita requimeterne all’acqua pazza. La bambola con la testa in bachelite e il bottone sulla pancia cospira ma Read more.
FARFA
Fonte in cortile, forme umane, platani e vento   In bilico sulla vasca dei pesci raccogliete foglie di platano, fili Read more.