da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.26

Non so, ma sono passati tutti

Questi anni. Vedo e guardo

L’intelletto che fu, ma non capisco.

Sotto la cresima della poesia

Non fui, non sono stata felice.

Ricordo che perdetti prestissimo

Il tuo amore che amavo perduta.

Visitai l’Italia e non mi bastò.

Ora temo la morte veritiera.

È l’addio che attendo

Minuto dopo minuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BOTANICA
botanica . rumorino . motorino . faretto . viene avanti Read more.
PIU’ SPENDIBILI VERITA’
Al calare del sole, l’ombra proiettata dal corpo di Annapigotta si allunga a dismisura sino a raggiungere il giovane rasaerba Read more.
LAMA
E’ facile. Basta pensare all’esatto opposto di quello di cui vorresti parlare. Oppure lasciare che una parola ne inneschi un’altra, Read more.
L’IMPORTANZA DELLE LUMACHE E DEI COMPUTER
Dopo il 1848, Matisse non riuscì più a dipingere a causa dei suoi problemi di salute ma, sebbene fosse confinato Read more.
TROMPE L’OEIL
Stanno in bilico sulla curva parete le figure della storia. Alcune si sporgono cercando, altre guardano in alto estranee al Read more.
QUARTTANA
Il giovane Le Mo crede di essere il vecchio cantante Ma Co. Intona i suoi motivi, batte le mani, si Read more.
AI FANTASMI 5: LAVATRICE
bianco detersivo colorati non importa distributore carta magico metallo inserto di livello inizio gira aspetta prelavaggio lavaggio (quanto dura un Read more.
AUTUNNO IN DOPPIO FINALE
l’autolavaggio ha fuori il cartello che spiega le foglie trite e] non consumare a un primo freddo un] fondo di Read more.