ANIMALI DOMESTICI (13)

Luca di mestiere fa l’orologiaio. I suoi compiti

primari sono la creazione, manutenzione e riparazione

degli orologi e della miriade di pezzi e meccanismi

che li compongono, dalla molla principale al rocchetto

al bilanciere fino alle grandi complicazioni

per indicare le fasi lunari e la mappa stellare.

Anche un trisavolo di Luca, tal Francesco Leporati,

nato nel 1730 a Varano dei Melegari, un comune

situato nella bassa valle del Ceno, di mestiere faceva

l’orologiaio. Imparò la professione, appropriandosi

delle capacità necessarie per costruire tutte

le combinazioni di un orologio, antico o moderno,

quando si trasferì nella casa della Contessa Pellegrini,

nata Ardizzoni Calvi, che lo tenne per circa 30 anni

in qualità di paggio. Francesco era nano di statura

e ben proporzionato in tutte le parti del suo corpo.

Sposato con Fortunata Borghesi, di statura grande,

ebbe da essa nove figli, tre dei quali morti nell’infanzia.

I sei rimasti, due maschi e quattro femmine, erano:

  1. Antonio, orologiaio, di statura nana (non però

come il padre), già sposato con Anna Ponticelli, di statura

grande. Dopo il decesso della moglie, dalle seconde nozze

con Gaetana Chisi, di statura grande, ebbe quattro figli

maschi, uno morto in tenera età, e gli altri (Ferdinando,

Angelo e Luigi) tutti e tre nani.

  1. Pietro, di statura nana, orologiaio, sposato

con Rosa Lazzari, di statura grande, dalla quale

ebbe cinque figli, due di statura grande e tre (due maschi

e una femmina) di statura nana.

  1. Doralice Maria Antonia, nana. Fattasi monaca,

decise poi di uscire dal monastero.

  1. Anna, di statura nana, nubile.
  2. Maria Maddalena, di statura grande, sposata

col cappellaio Pietro Papi.

  1. Maria, nubile, nana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRATTENERE UN LEMBO ALL’ALBA
trattenere un lembo all’alba di un assurdo blu quando è l’era dei morti viventi o forse pensieri incrociati e – Read more.
5/10
Pensare restava un’occupazione possibile (pensare non è riflettere) Il bisogno di raccogliersi e ricapitolarsi (guardando fuori, lontano…) È l’autunno Pigrizia Read more.
(L’OCCHIAIA. 99.)
Affronto i pioli traballanti della scala allungata dentro un’oscurità puzzolente di muffa senza esitazioni, due per volta, allontanandomi alla svelta Read more.
AUTUNNO
la fiera] è in omaggio sul terrazzo il vaso sporge in continuazione liberate la fiera occasione di saldi come le Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.27
L’arte è pace comune Ricettacolo d’epoche Dove la paura perde Teche di immagini feroci. Mi si dia l’estro Per morire Read more.
TRAUMA 3
jazz la radio. refrigerio ventilato. aria flussi e superfici. la convenzione della mano destra. in camera lo specchio col riflesso Read more.
VECCHI
Vecchi che a non dire “sbrighiamoci a morire” motivi buoni ne possono trovare, per esempio il tressette da finire, le Read more.
NON E’ PASSATA LA PASSIONE 4
  Non è passata la passione / non è bastata la passione Tuttora non c’è una possibile conclusione o soluzione. Read more.
FRAMMENTO 5
Giocare è insegnare idee, ha scritto Andréa Azulay. Eppure l’uomo vive sotto l’azione di forze delle quali conosce l’esistenza. Come Read more.