MANNA PIOVANA (3)

Ernesto – aveva iniziato scandendo bene le lettere del nome come succedeva di rado, poi era tornato
al dialetto stretto e chiuso lodando il nobile bistrattato lavoro del contadino, il miracolo che
trasforma sudore in sostentamento per le famiglie [anche quelle che la terra non la lavorano,
bofonchiò], disse del rispetto per quelli venuti prima a faticare su quegli stessi campi,
dell’importanza dei cicli naturali e degli esseri viventi dal mammifero più grande fino al più piccolo
filo d’erba. La natura è la tua vera madre, più di quella che ti ha portato in grembo nove lune – gli
era uscito dopo una pausa – e per prima con la natura ho fatto l’amore. Per i figli o i raccolti, sempre
bisogna far prima l’amore con la natura. Capisci?
Non da lui dilungarsi in un discorso, infilare parole logiche coerenti con idee, appassionato, con
cervello pancia e cuore. Ma veramente, no. Non capiva. Sperava con tutte le forze ci fosse altro:
altri indizi, un’altra pagina del libro, qualunque cosa pur di non doverlo guardare in faccia e dirgli di
non aver capito niente dopo tanta cerimonia. Che significava esattamente far l’amore con la natura?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.