MANNA PIOVANA (3)

Ernesto – aveva iniziato scandendo bene le lettere del nome come succedeva di rado, poi era tornato
al dialetto stretto e chiuso lodando il nobile bistrattato lavoro del contadino, il miracolo che
trasforma sudore in sostentamento per le famiglie [anche quelle che la terra non la lavorano,
bofonchiò], disse del rispetto per quelli venuti prima a faticare su quegli stessi campi,
dell’importanza dei cicli naturali e degli esseri viventi dal mammifero più grande fino al più piccolo
filo d’erba. La natura è la tua vera madre, più di quella che ti ha portato in grembo nove lune – gli
era uscito dopo una pausa – e per prima con la natura ho fatto l’amore. Per i figli o i raccolti, sempre
bisogna far prima l’amore con la natura. Capisci?
Non da lui dilungarsi in un discorso, infilare parole logiche coerenti con idee, appassionato, con
cervello pancia e cuore. Ma veramente, no. Non capiva. Sperava con tutte le forze ci fosse altro:
altri indizi, un’altra pagina del libro, qualunque cosa pur di non doverlo guardare in faccia e dirgli di
non aver capito niente dopo tanta cerimonia. Che significava esattamente far l’amore con la natura?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.89
Eraso il fiume, colma la catastrofe che sul prossimo teschio pervade la breve vita che fu concessa alle due gemelle Read more.
IL TRAM DI BIERMANN
Berlino, Chausseestraße, civico 131; Wolf Biermann vi registra, nel 1968, l’album omonimo usando il proprio appartamento come sala d’incisione, un Read more.
SENZA SCARPE
La sua cecità era smisurata, altissima come un monte di trenta piani. Lui correva sul filo dell’alta tensione senza muovere Read more.
(DALLA MEDIA ESTATE/4)
I padri archiviavano i torti nella pace a terrazze degli orti, una pace a portata di mano, all’alba, quand’era più Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (6)
Le parole di MacLoss turbano i ragazzi e le ragazze della Carne Torta, geneticamente regolati su elevati livelli di sensibilità. Read more.
ACQUA DAVANTI E VENTO DIETRO
 Divembre.  2.3. -: un sole pigro tarda, ma ‘la tardanza’, come usano dire da queste parti  , ‘non è mancanza’, Read more.
LACRIMAE RERUM 14
Il canto del perdono   Il ragno che tesse la sua tela non conosce lo splendore dell’intreccio, e la mosca Read more.
LA MUSICA NON È (MAI) FINITA – 06
“E già gli va bene. Che poi me li ricordo quei video dove si mostravano tutti come dei supervanitosi e Read more.
C’ERANO MIRACOLI
c’erano miracoli, l’abitudine di gridare, e ora sentimenti vorticosi di uniforme disagio. mi sono recentemente laureato in un modulo di Read more.