HA RAGIONE LEI

ha ragione lei anche dopo che abbiamo giocato a lanciarci addosso zolle di vento & lei vuole vedere più la Germania che me perché quando piango mi escono api dagli occhi & anche dopo che attorno al cuore avevo piantato un tetto che poi si è riempito di tegole Jack finché assomigliava al sotto-al-letto dove si nascondeva dai mostri & puoi anche saltarci sopra con tutte le scarpe perché non c’è nulla di sporco in te, le dissi ma ha ragione lei ed ora il cuore sta lì come un mazzo di chiavi Jack & spazzatura mai usata & con la stessa vergogna dei cani malati & ha ragione lei perché è fatta per muoversi, come il sole ed io ero diventato una spina nel fianco ma d’altronde tutte le rose ce l’hanno Jack & se invece dei baci sulle labbra avessi avuto stracciatella, chissà & io sono così affamato che mangerei una navata intera già di prima mattina a cominciare dalla colazione che lei indossa & ha ragione lei anche se quando abbiamo fatto l’amore eravamo appoggiati al cielo come nuvole Jack e lì avevo ragione io

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEMPRE LIEVE E PONENTE
  In un salotto stile Luigi Filippo – piuttosto malandato in verità, ma in una casa patrizia ancora ben conservata Read more.
SONO PIEGHE D’INVERNO E
sono pieghe d’inverno e la somma di vite queste vite – le piccole cose di segni lontano nelle stanze divine Read more.
LANCIANDO UN GRIDO
  Lanciando un grido d’attenzione, io esclamo un giorno sì e uno no (vale a dire spesso sì e spesso Read more.
ASCIUTTA E SECCA VOCE
Asciutta e secca voce a notte, rara, basta all’avara immersione nella fonte, frattanto che si guada la fiumara, il letto Read more.
NOVANT’ANNI
La signora compie novant’anni: la sala del ristorante è dedicata a lei oggi. Due palloncini color fucsia – un nove Read more.
QUADRO 1
(dimmi bambino che fai lì tutto solo)     … (il quadro che apre la mostra) Tutti i quadri della Read more.
ANUBI
con la lampadina accesa tra i denti sospeso nella piena luce del giorno di lato all’uomo che sfiletta acciughe salate Read more.
VIII)
loro mi spogliano giocando e ridendo io mi sbuccio le ginocchia, io mi faccio crescere i denti gli infermieri parlano Read more.
LINGUE ALTRUI
Masticavano vuoto gli antenati del neolitico, resina di betulla e poi ci fu il mastice di Chios a tenere in Read more.