DIARIO DI BALBUZIE – 8

Rorida giovinezza

questa mancanza maceria d’essere.

Tu eri il mio sorriso

il pianto sopito mai annullato.

Donna vecchia piango

l’agonia che attende

senza pietà per sempre.

Brevetto senza storia la pace

cigola in ogni portone

fato di plotone.

Novità di ieri

lo specchio benigno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRATTENERE UN LEMBO ALL’ALBA
trattenere un lembo all’alba di un assurdo blu quando è l’era dei morti viventi o forse pensieri incrociati e – Read more.
5/10
Pensare restava un’occupazione possibile (pensare non è riflettere) Il bisogno di raccogliersi e ricapitolarsi (guardando fuori, lontano…) È l’autunno Pigrizia Read more.
(L’OCCHIAIA. 99.)
Affronto i pioli traballanti della scala allungata dentro un’oscurità puzzolente di muffa senza esitazioni, due per volta, allontanandomi alla svelta Read more.
AUTUNNO
la fiera] è in omaggio sul terrazzo il vaso sporge in continuazione liberate la fiera occasione di saldi come le Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.27
L’arte è pace comune Ricettacolo d’epoche Dove la paura perde Teche di immagini feroci. Mi si dia l’estro Per morire Read more.
TRAUMA 3
jazz la radio. refrigerio ventilato. aria flussi e superfici. la convenzione della mano destra. in camera lo specchio col riflesso Read more.
VECCHI
Vecchi che a non dire “sbrighiamoci a morire” motivi buoni ne possono trovare, per esempio il tressette da finire, le Read more.
NON E’ PASSATA LA PASSIONE 4
  Non è passata la passione / non è bastata la passione Tuttora non c’è una possibile conclusione o soluzione. Read more.
FRAMMENTO 5
Giocare è insegnare idee, ha scritto Andréa Azulay. Eppure l’uomo vive sotto l’azione di forze delle quali conosce l’esistenza. Come Read more.