UNA CIRCONFERENZA IX

poiché di realismo si tratta, non è allora inutile il punto sulla querelle nell’intensità e il verso della risposta, la prontezza, quindi, direbbe che riverbera. poi continua a parlare di una certa civiltà, come ogni ideologia trapuntata in bilico fra gli adoratori di qualche profeta e vaghi esegeti dei misteri, una certa civiltà, allora, non industriale non contadina, che aveva rifiutato ogni principio di grandezza solo per costruire un paio di vicoli e alcuni edifici marginali, attrezzati per ogni esigenza: una porta, qualche finestra, solo spazio e luce. alla sinistra, un’ala, sempre la stessa, incompiuta e aperta, nessuna uscita di sicurezza: un padiglione, forse, aperto, seminale per ogni passaggio o instabilità programmata. pochi arpeggi, accordature stonate, riflessioni eccentriche, tutto un bianco di luce senza angoli o ritagli di pareti. hanno vinto, diceva annuendo, hanno vinto comunque: è che sbagli quando pensi il contrario. e noi siamo sopravvissuti. hanno vinto tutti? a un certo punto il testo intitola una franatura, con il caso particolare: da dove viene ciò che è detto? l’intensità, coessenziale all’impiego del linguaggio, assumeva la realtà a progetto di conoscenza e trasformazione: ma quale elegante bivacco, che ostinazione essenziale, quale fioritura inanellava nelle parole, attrezzate, diceva, per ogni esigenza: una porta, qualche finestra, solo spazio e luce. alla sinistra, un’ala, sempre la stessa, incompiuta e aperta, nessuna uscita di sicurezza: un padiglione, forse, aperto, seminale per ogni passaggio o instabilità programmata e continuava: poiché non ha senso, può non fallire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DI DOMENICA
Mi piace di domenica andare nei paesi dove non conosco nessuno. Come ospite non invitato curiosare fra strade che non Read more.
DIDASCALIE 6
1. Dove finisco io E dove cominci tu Che sei sempre io E pure non lo sei più 2. Una Read more.
AFORISMI IN SOSPESO
siamo il risultato di   un esordiente attempato può ancora   il cane muore dalla felicità dopo aver rivisto   Read more.
(PRIMO E SECONDO ADDIO)
Non esistono addii, al paese: Ci incontriamo e poi ci salutiamo, Alla prossima volta, anno stagione mese – Niente addii, Read more.
FREDDO
A una sconosciuta dal senno lunare.     Poi si è voltata un giro, due tre, la giacca lunga il Read more.
DIVELLERE
possono trasmutare l’uno, e prima ancora la ragione, per forma di malaria. sono situazioni. soltanto Ippocrate sostenne che una quantità Read more.
LACRIMAE RERUM 16
(ripelliniana)   “Lasciatemi in pace, sarabanda di grida, cacofonia di demoni che bussano con facce grifagne ai vetri invocando la Read more.
CHIROMANZIA
Chissà perché scorrono per rincorrersi senza trovare il punto, assetate e incallite, testarde di pieghe. Chissà perché si biforcano e Read more.
NON PENSATECI NEANCHE
Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, Read more.