IL QUADERNO DEL POETA

Il mio quaderno da poeta l’ho preso in una libreria in centro, piccola, curiosa
ha la carta riciclata e giallina, senza righe
la copertina di cartoncino grezzo ruvido
colorato tenue a fiori
Ci scrivo in orizzontale contro l’uso comune, perchè mi sembra di avere più spazio
Una volta al corso di poesia, una poetessa vicina di banco l’ha notato
ed io lezioso ammiccante ho risposto
si, mi piacciono questi quaderni, questo stile ruvido, ricercato…
Mentre lo dicevo ho sentito
che era un colpo troppo prevedibile, una banalità da poetuccio
mi sembrava insomma di aver perso punti.
Le poetesse sono difficili
non si sbottonano facilmente!
Sono timide educate le poetesse, la voce chiara senza affanno
di natura spensierate
Disinvolte guardano di sguincio, prese da sempre nuove cose
scusi è libero il posto?
A volte un po’ provocatorie, ma dài, sono tutte storie
tradurre è tradire, non ci son santi!
Scrivono tanti appunti dettagliati  e senza fatica
mentre io nel marasma dei pensieri svelti dell’oratore
riesco appena a scarabocchiare qualcosa
allora cerco di sbirciare sul quaderno della vicina,
ma invano
sono brave a non farsi capire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DUE VOLTE
La sola differenza tra le formule AC0004452601 e AC0004452601-1, che sulle tavole anatomiche indicano il medesimo elemento,  è, come si Read more.
SELVA
Zolle di terra compongono il tuo corpo. Ad occhi chiusi gratto il contorno. Scivolo e mi sgretolo, ferita già aperta. Read more.
COSO
Mio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.91
Col sale nel caffè ho visto il rantolo dell’ultima elemosina del panico rendita d’umile caso. Read more.
24/11
Dover campar…sempre in bolletta, sempre in disdetta… Trallallero…senza un copeco (cantando) Sotto questa luna (l’artista indolente, mente…) Cosa preparo per Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (10)
Quella della vasca era in tempi remoti una cerimonia che gli abitanti delle Terre Acriliche celebravano per irrobustire il seme Read more.
39
sai (padre)   noi occhi e corpo dietro elettriche finestre bardati disincarnati senza volto quasi   la morte ci fa Read more.
(PER FAVORE)
Tu, per favore, tu dimmi della notte. In quale ombra a vuoto rotei gli occhi. A nuoto l’attraverso e navigo, Read more.
GLI ANNI DI ANNA – 02
  Anna che a ventotto anni è una seduttrice seriale, con il sorriso più immondo e falso che vi potete Read more.