UNA CIRCONFERENZA (II)

Forse l’universo ha l’età di uno sparo, il resto non sono che frastuoni, echi, rumori di fondo, cerchi, ganci, montanti, avambracci a flusso d’acqua, neko ashi dachi, bagliori, sonagli per incanto. Per ultime avanzano le foglie, decrepite e dorate quanto basta per deragliare la luce. Forse uno sparo ha l’età dell’universo, il resto non sono che ammanchi, salti, circonferenze, ipostasi, dettagli apotropaici, formule, indici di regressione. La mano, dice, è il prodotto del lavoro. Semplifica: abilitare il comando di guerriglia semiologica. Continuare a tacere, sparare all’ottocento. Positivisti, nichilisti, ancora tempeste di spirito del tempo. O l’assoluto. Sparare all’ottocento. Furono all’inizio i cardini a farsi spazio, o assenza, a liberare aria alle porte. Forse l’universo ha l’età di ogni albero. Una cinepresa, una circonferenza, una cascata, una diga, carrelli, gru, tram, auto, lamiere, fabbriche, capannoni abbandonati, una circonferenza, gru, camion, termosifoni, treni.  La mano, dice, è il prodotto del lavoro. Semplifica: abilitare il comando di guerriglia semiologica. Non abbiamo sparato abbastanza sull’ottocento. Per questa decisione omettono, occorre la pellicola, un rinnovamento di distorsioni, alzano il rumore. Danzano nel vuoto. Sono superfici digitali, proseguono, a volte scivolano più spesso tacciono, inventano soluzioni, è primavera, ripongono le immagini nella stiva e coltivano. Confidano nell’eleganza del gesto, non attendono risultati, ripetono: infocare i dati. Il movimento, la rotazione, la materia, ancora lo spazio senza geometria dei cieli. Rifarsi tempesta, nel canto. Tu davi i nomi alle cose, io scambiavo parole coi gesti. A me non bastavano i suoni affiorati dall’esplosione. Tu che affili la roccia, sei nel peso del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRATTENERE UN LEMBO ALL’ALBA
trattenere un lembo all’alba di un assurdo blu quando è l’era dei morti viventi o forse pensieri incrociati e – Read more.
5/10
Pensare restava un’occupazione possibile (pensare non è riflettere) Il bisogno di raccogliersi e ricapitolarsi (guardando fuori, lontano…) È l’autunno Pigrizia Read more.
(L’OCCHIAIA. 99.)
Affronto i pioli traballanti della scala allungata dentro un’oscurità puzzolente di muffa senza esitazioni, due per volta, allontanandomi alla svelta Read more.
AUTUNNO
la fiera] è in omaggio sul terrazzo il vaso sporge in continuazione liberate la fiera occasione di saldi come le Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.27
L’arte è pace comune Ricettacolo d’epoche Dove la paura perde Teche di immagini feroci. Mi si dia l’estro Per morire Read more.
TRAUMA 3
jazz la radio. refrigerio ventilato. aria flussi e superfici. la convenzione della mano destra. in camera lo specchio col riflesso Read more.
VECCHI
Vecchi che a non dire “sbrighiamoci a morire” motivi buoni ne possono trovare, per esempio il tressette da finire, le Read more.
NON E’ PASSATA LA PASSIONE 4
  Non è passata la passione / non è bastata la passione Tuttora non c’è una possibile conclusione o soluzione. Read more.
FRAMMENTO 5
Giocare è insegnare idee, ha scritto Andréa Azulay. Eppure l’uomo vive sotto l’azione di forze delle quali conosce l’esistenza. Come Read more.