TESTA DI UCCELLO LOTTA CON IL MORTO

Le volte in cui i fratelli Karamazov decidono di discendere in loro stessi sono perlopiù quelle giornate in cui il termometro segna le minime stagionali. E’ proprio in quei pomeriggi insopportabili – nell’ora tra la seconda e la terza – che ognuno  precipita nello spazio più profondo che uomo possa riuscire a immaginare, ben oltre sciocchezze come cuore-intimità-recessi: i suoi propri atomi. Là dove riluce il buio perenne si rinasce col tepore costante del vuoto. E’ un’esperienza fantastica dice Dimitri, inesprimibile e pacificante, con l’aggiunta dell’emozione del principio di indeterminazione secondo il quale in quel luogo non c’è cosa  che possa accadere due volte: tutto ciò che accade, in sostanza, non si può dimostrare. Come adesso infatti, guardate: tre o quattro Dimitri fluttuano felici dal nucleo agli elettroni, cinque o sei Alesa passeggiano tranquillamente lungo dieci campi di calcio a cinque. Gli Alesa diventano Ivan, gli Ivan ridiventano mille volte Alesa. La tris viene ribaltata: Xeiku, Filira, Miramont Lady. Il tè che beviamo torna nel bricco. Poi si riversa. Poi torna ancora nel bricco. Un’esperienza fantastica dice Giovanni della portineria di palazzo Fatta – inesprimibile secondo Lucilla di Pontecagnano: restare sé stessi senza essere più sé stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LACRIMAE RERUM 10
Rondini che planano alte nel cielo rivelano immensità nell’azzurro, sfiorano il caldo viso dell’estate garrule come bambini che giocano a Read more.
FUORI LUOGO IL TEMPO (5)
Quando ha dato inizio al movimento c’ero,   sulla spalla di Dio esplosivo,   discreta come pulviscolo   emettevo un Read more.
TURISTI
Non lo sanno i turisti, no, quali sono i vicoli dove più soffia il vento forte, né dove non ha Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.84
Col viso al minimo sguardo Liliale la donna che fu Quando l’alfabeto era smilzo E senza storia il feto innamorato. Read more.
MICHAUX e altre cose (94-95)
3   nevicava paglia sulla luna storta. petali astratti sul sedentario bendato. e i biscotti pizzicati gli mordevano la lingua. Read more.
GATTOMAMMONE
2   Voci che favoleggiano d’incontri ai limiti del deliquio, tramandate da epoche in cui avventurarsi nelle campagne notturne era Read more.
ESICASMO (6)
Gli apostoli dello Zòon Politikòn portavano a spasso i lupi e sogghignavano… benvenuti nell’universo altro dove forse non troverete l’esicasmo, Read more.
UN VERO SPASSO
Occhiali, protesi acustiche, dentiere, gambe artificiali, cinture ortopediche, parrucche. Ecco la nostra coriacea sostanza. Ecco la nostra cremosa consistenza. Gli Read more.