QUEI 68 MQ DI UNIVERSO / Immaginando l’ultimo giorno di M. F. Writtenby…

Eppure sembra lunghissima la trattativa che un vento imprevisto impone al mio ultimo ombrello in quel giorno di pioggia. Conosce infine il suo closing un’ora, la sera, un 30 dicembre ‘27, di giovedì, in un luogo chissà. Un omaggio o un anello orbitale di anni – quasi – sessanta che fissa penultime notti prima che l’anno seguente entri nel mondo. Una clausola in più sul contratto Non disturbare la vita degli altri. Così, resta a bagnarsi il popolo che – ecco, dispiace -… Saluti da Roma, dalle nostre piastrelle, infine da me.

 

A te: che forma elastica siamo? Impariamo ora a dire non più ti voglio bene – non andremmo via mai, e avremmo il sapore, sai di quel vino che non convinceva? E allora alziamo il volume, l’ascolto, come se fosse sfiorarsi le mani, “l’ombrello tienilo tu, io non mi bagno”, e avanti così, così anche senza cornice, ora che sono lanciato nell’unico modo che posso e che, sì, vale ancora tutta la mia, la tua di pena, seguendo le onde sonore che arrivano, arrivano da alcune curiose frontiere di ingressi, di spazii e “cos’è?”

 

Non sembra voglia aggiungere altro. Ricomincia – probabile – a stupirsi, a lavorare. Almeno lo pensano in molti, quel giorno vien da pensare così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LACRIMAE RERUM 10
Rondini che planano alte nel cielo rivelano immensità nell’azzurro, sfiorano il caldo viso dell’estate garrule come bambini che giocano a Read more.
FUORI LUOGO IL TEMPO (5)
Quando ha dato inizio al movimento c’ero,   sulla spalla di Dio esplosivo,   discreta come pulviscolo   emettevo un Read more.
TURISTI
Non lo sanno i turisti, no, quali sono i vicoli dove più soffia il vento forte, né dove non ha Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.84
Col viso al minimo sguardo Liliale la donna che fu Quando l’alfabeto era smilzo E senza storia il feto innamorato. Read more.
MICHAUX e altre cose (94-95)
3   nevicava paglia sulla luna storta. petali astratti sul sedentario bendato. e i biscotti pizzicati gli mordevano la lingua. Read more.
GATTOMAMMONE
2   Voci che favoleggiano d’incontri ai limiti del deliquio, tramandate da epoche in cui avventurarsi nelle campagne notturne era Read more.
ESICASMO (6)
Gli apostoli dello Zòon Politikòn portavano a spasso i lupi e sogghignavano… benvenuti nell’universo altro dove forse non troverete l’esicasmo, Read more.
UN VERO SPASSO
Occhiali, protesi acustiche, dentiere, gambe artificiali, cinture ortopediche, parrucche. Ecco la nostra coriacea sostanza. Ecco la nostra cremosa consistenza. Gli Read more.