LE SCARPE AL CONTRARIO

le scarpe al contrario erano infastidite perché non potevano guardarsi, spingevano e così anche i piedi si imbizzarrivano. li sentivo solo io e perciò non lo dicevo, perché già ero strano perché parlavo italiano. erano diventati di spine e di sangue e piangevano mamma, infatti poi mio padre mi ha detto perché non mi sono aggiustato le scarpe da solo. non l’ho dimenticato più finché da grande ho disegnato me e te del tutto senza i piedi, così non potevamo allontanarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MA C’E’ UN TEMPO DIGIUNO E
ma c’è un tempo digiuno e le vette di maggio ad aprire questa strana facciata raggiungimi tutto d’un fiato prima Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.21
Avresti voluto giocare di scherma Concederti sismi di baci Biglietti non obliterati per rabbia. Invece sei stato ligio Alla ginestra Read more.
KIREJI – n.13
sfila una corsa   *     memorie di ragazza   *     mondo mondo fluttuante   *   Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena XXXI
via web avremmo capito [forse] ogni Centro è periferia in rete scrollarsi di dosso certe idee gerarchie architettoniche di residente Read more.
TRANSIZIONI – 28
su questa mano stretta intorno all’aria mattutina. non c’è la compatita morte di chi avete ucciso. i morti uccidono i Read more.
INSONNIA VENEREA
il pubblico rumoreggiava senza costrutto ma con roboante supponenza davanti al poeta che stillava miele da una controdanza faticosa e Read more.
MEMORIE 06
Che poi c’è e lavora qui a pieno regime l’industria della commemorazione, la fabbrica del ricordare in comune, l’implacabile impresa Read more.
CUCINE STANCHE
Basso profilo. Stanchi di straccio e pulizie banchi cucina, stanchi d’in piedi sempre a cucinare qualsivoglia. Stanchi che non c’entra Read more.
AL MERCATO DOVE MI HAI COMPRATO
al mercato dove mi hai comprato non hanno più bancarelle. nemmeno la stradina dove il lupo ricalcato a matita ci Read more.