QUELLA VOLTA ERA IL GHIACCIO SULLE ROCCE DEGLI ALTIPIANI ESTINTI

La prima volta che confidai negli artifici avevo davanti un libro, un quaderno e una penna ed ero analogico e ammutolito come chi, col vestito buono della domenica, si ritrovi a pestare una merda, e puzzare di pecora, o cavallo, a seconda dei contesti, con la sola alternativa della mutezza. Quella volta, però, era il ghiaccio sulle rocce degli altipiani estinti, ora diluiti sulle cime delle onde, e non avevo più che il fiuto addestrato agli odori, ora della pecora, ora del cavallo, a impegnarsi attento nella costruzione del ritmo. Qui le cose sanguinavano i codici. Dopo un po’, nei dispositivi, subentrava l’obsolescenza programmata. La prima volta che moltiplicai spazi, esistenza e persone ero diluito, qui e lì, e denutrito e depotenziato mentre lasciavo ogni volta un pezzo diverso nella geometria di un oggetto, disperso nei suoi processi di deriva programmata. Qui i bizantini avevano lasciato qualche occhio a mandorla e la seduzione per quelle piccole tessere che animano le cose. Invece, al parco, Grozio ammoniva gli altri bambini sulla necessità di darsi un appetitus concorde, ma loro, scostanti esoterici e ieratici, saltavano discordi attorno ai giochi, alle giostre laviche, arboree, mutando salti in regole senza destino, vestibili come l’aria nei giorni in cui si vede lontano e si accorcia la distanza con la disfatta. Un coro unanime di salti rinunciava alle regole comuni della scrittura e dalle zolle rivoltate si aprivano lo scontro, la vita, la negazione. Quella volta, però, era il ghiaccio sulle rocce degli altipiani estinti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.12
Segugio del tuo pane Le croste orrende, la favella oscura dove la curva si arrende. Su e giù barcolla la Read more.
CASA NATALE
Prima di colazione ho rincorso un pensiero. Un pensiero qualunque, ma da trattare con riguardo e con le buone senza Read more.
MEMORIE 01
  Sul nostro matrimonio, oramai trapassato, ciascuno ha i suoi tenaci ricordi, tu hai i tuoi che mai coincidono con Read more.
MI SONO RITRASFORMATA IN LUPO
Mi sono ritrasformata in lupo. La fiamma sulla lingua, il fiore che si aggrega sulla superficie del lago.   Non Read more.
LE SCARPE AL CONTRARIO
le scarpe al contrario erano infastidite perché non potevano guardarsi, spingevano e così anche i piedi si imbizzarrivano. li sentivo Read more.
NUDISTI
Una volta andai al mare con una brigata di studenti tedeschi. Ero in amicizia col professore che li accompagnava. Studiavano Read more.
SVILUPPO DELL’AREA DI UN QUADRO
Per materializzare una linea occorre pensarla, trovarne l’equilibrio (ad esempio alcune tracce, o il disegno di un motivo generato dall’avviluppo Read more.
TRADUZIONE
Bucherellando la notte con le nostre torce elettriche, avanzavamo cauti sulla pelle rugosa della Città, sulle pozzanghere di catrame, sul Read more.
SCORPORARE
Mi aggiornano amici figli amici dei miei figli e un’amica della madre dell’amico dei miei figli con passaggi d’urgenza   Read more.