INTRAMOENIA (Edmond Jabès – Poesie per i giorni di pioggia e di sole)

 

 

Jabès , il grande contemporaneo

con la sua espressione originale e

surrealista – fra poesia e prosa

ogni suo libro è una vocazione come un

“face à face” con Dio , da Jacobs a Eluard.

Le sortite nel deserto in Egitto era silenzio

della condizione per salvare la “parola” cioè

il “Libro”. Perdersi per ritrovarsi nel silenzio cosmico. Il” libro”   era per lui il passaggio

con domande e risposte per permettersi altre

domande e risposte e mancanze. La “parola”

come nel” Libro delle interrogazioni “è l’essenza dell’ebraismo

“ l’io è una invenzione del tu”

 

Ogni libro si scrive nella trasparenza d’un addio”, diceva

 

L’albero Volante

 

“Nei boschi ci sono alberi:

è una cosa naturale.

Sugli alberi ci sono foglie:

è una cosa evidente.

Ma se le foglie sono ali,

ecco, questa è una cosa

per lo meno sorprendente.

Volate volate, verdi alberi belli.

Per voi si apre il cielo.

Ma attenti all’autunno,

stagione fatale, quando a migliaia

le vostre ali

tornate ad esser foglie

cadranno.”

 

(da POESIE PER I GIORNI DI PIOGGIA E DI SOLE e altri scritti, Edmond Jabès, quaderni del gallo silvestre, Manni, 2002)

 

 

 

(Il Cairo 1912 – Parigi 1991) poeta francese. Visse in Egitto fino al 1957 quando, espulso perché ebreo, si stabilì a Parigi. È autore di liriche e di prose poetiche, raccolte in Costruisco la mia dimora (Je bâtis ma demeure, 1959), e di un interessante diario, Il libro delle interrogazioni (Le livre des questions, 1963, nt), seguito dal Libro delle somiglianze (Livre des ressemblances, 1976-80) e dal Libro della sovversione non sospetta (Le petit livre de la subversion hors de soupçon, 1982). Tra le opere successive si ricordano: Il libro del dialogo (Le livre de le dialogue, 1984), Il libro della condivisione (Le livre du partage, 1987) e Il libro dell’ospitalità (Le livre de l’hospitalité, 1991, postumo). In essi J. rimedita l’avventura stessa della scrittura nonché il rapporto della scrittura con il silenzio e la parola. Lo stesso tema si ritrova nel libro-conversazione con M. Cohen, Dal deserto al libro (Du désert au livre, 1980). Uno dei motivi più originali dell’opera di J., attentissima ai valori fonici e non priva di rapporti con l’esperienza surrealista, è infatti che il libro in via di stesura si pone non solo come oggetto ma anche come soggetto, non solo come «servitore» ma anche come «padrone» del suo autore.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PARLA STEFANO AL TRAMONTO VISIVO
Se dopo il dolce lei ci racconta di presenze che arrivano da altri mondi – una superba torta cantonese coperta Read more.
IDIOSINCRASIE 6
Gli zingari della musica facevano vibrare i suoni sinusoidali, / ora tortuosi, ora avvolgenti, ora ululanti del Theremin / poi Read more.
DUE GIORNI (3)
lunedì   raccolta l’uva americana insieme a P. un filare di vite sul ciglio di un terrazzamento. l’uva tagliata attira Read more.
MI AMI PER FAVORE? (V)
Oggi ho visto una paglietta guidare l’auto avanti la mia. Sorrideva, la paglietta, sembrava in forma: grano duro fiero di Read more.
SONO STATA BRAVA NEL BOSCO
“Sono stata brava nel bosco” un morso alla gola il momento in cui sono più felice è quando soffoco dalla Read more.
IN CUCINA C’ERA UNA NUVOLA
in cucina c’era una nuvola entrata dal balcone, di sicuro si era persa perché lì non c’è il cielo. pensai Read more.
QUEI 68 MQ DI UNIVERSO / Come un selfie, profondo…
In un tempo che finisce di contare se stesso, qualcosa riconosce in un filamento fluttuante – simile ai mille e Read more.
TRANSIZIONI – 24
trascinati eccoli. con la ritrosia dei vetri di pioggia. le gallerie del vento piangono luci. stramazzando silenzi. eccoli. tracimati. continuano Read more.
UN PUNTO
Certo, si dice: Lilli Gruber. Ed è vero che è una grande giornalista donna. Se fosse stata una grande giornalista Read more.