NUMERO PATERNALISTICO 512

vieni, ti racconto che più vicino

ai cinquanta che ai venti

pare che tutto si riapra e si respiri

tutto nuovamente

se in corso di vita rinnovi te

e rinnovellato, andando,

vai incontro al mondo che

a braccia aperte abbraccia, così, correndo,

 

e ti racconto pure

che se ci credi infine ci riesci

a metterti alle spalle le scale

che le scale alle spalle

sono già fatte e aprirti all’amore

ora ti è quasi banale

tanto quanto per più meglio lavorare

il c’entro centrare,

 

poi potrei dirti,

possibile figlio mio, figlio adorabile,

che non ci sei per un appuntamento

mancato, che è vero

in parte e in parte questo mondo

ti è già stato dedicato,

spezzettato, esploso tutto per te

in mille lingue tradotto,

 

tradotto e abbandonato ma non importa,

l’angolo di sguardo

è quello che porta, che porta

avanti me e te, mica cosa,

e poi che non è tua madre che

non è voluta venire,

che non vuol restare e poi

i capricci non soffocare,

 

si sa, non sarebbe giusto,

come giusto non è accollare

la crisi mia all’ipocrisia,

alla barbarìa di questa via

senza via, di questo falso passo

senza piede e riede

alla porca mensa borghese,

che così è chi ci crede

 

e ti racconto che non è vero

dopoguerra di vita

questo, che stai e stai bene

in potenza se dimezzato

o anche deficiente che onore dai

nell’essere aiutato

ma non pensarti individuo

se non vuoi essere ammazzato,

 

vedrai, vedrai in faccia quelle facce,

le voci ascolterai

che nulla sapranno dirti,

né diranno ad alcuno mai

se vuoi fare fai ma che sei tu

e il tuo aiuto quello che serve

diranno invece se di sé

responsabilità ti danno,

 

tu non prendertene mai,

gioca sempre poi combina guai,

mi raccomando, non fare

tutti gli stessi errori miei,

mio esempio errato,

ironico, politicamente scorretto,

cercatore delle verità,

padre di un figlio mai stato,

 

vieni e ascolta, ora che sto più vicino

ai cinquanta che ai venti,

che sia giusto che il mondo, la vita,

il pensiero s’arroventi

è giusto come è giusto

che tu non sia mai nato, sappi,

possibile figlio mio,

incontro di lavoro mancato

 

(che se fossi nato saresti nato – ahimé –

nato imparato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DESTINA / 1
  Anni dopo.   Pensando e aspettando, un mattino fisserà il cielo e le nuvole, e vedrà Americhe senza sud Read more.
A TALE OF PANDEMIC – 4.4.2020 Sebastian, Florida.
Mi mancano il mio cane, il mio dottore, i miei amici e i miei libri. Mi manca il mio studio, Read more.
CRAMPI ESPRESSIVI 01
Un crampo espressivo dopo l’altro / fino a secernere fulgore dal mero dolore / Coltivare abituali sortilegi per ingannare il Read more.
NOSTR’OMBRA
Nella memoria di Gaspare Atomico Nucleare, incisi di un centimetro  osso e corteccia Parietale, di venti millimetri la parte apicale Read more.
INVITI A CENA – n.27
stasera ti guardo e penso che di te sarebbe più bello il ricordo. Parli tutta la sera dei tuoi viaggi Read more.
INTRAMOENIA (Sergej Esenin)
Stanco di vivere nel paese nativo nella nostalgia dei campi di grano, abbandonerò la capanna mia e vivrò vagabondo, ladro. Read more.
IN SPIAGGIA
Drappi di tenda, una distesa di cerchi azzurri, ondeggiano al cielo segno sicuro di estate, la permanenza del giorno Bimbe Read more.
ALTRI FRAMMENTI (18)
Onde evitare che il meccanico potesse dubitare circa le nostre condizioni di salute e che eravamo affetti da patologie senili Read more.
REMAINDER READER’S DIGEST – 4
percorrere poi il palinsesto nel temperatura stratificato infìla ere inconcludenti smembrate le gigantografie appena la cartolina di natale arriva piena Read more.