SUZIONE DELLA LINGUA

Sfogliando le “Memorie a oltranza” di T. T. Doang, maestro elementare di Xuan Loc, scoprirete che si tratta di un’agenda perlomeno straordinaria. Non solo è scritta interamente al futuro, pur se racconta  – come ogni diario che si rispetti – eventi già accaduti nel tempo, ma a ogni pagina scritta ne segue inspiegabilmente una strappata. E ancora. Alla pagina 2085, dove racconta i fatti avvenuti intorno al suo quarantesimo anno di vita, e alla 3112, dove racconta invece quelli avvenuti nel suo sessantesimo, si aprono due improvvise voragini che precipitano dritte al centro della terra. Attenzione quindi: tenersi saldamente al corrimano. La cosa più incredibile però succede alla 5124 – sarebbe pressappoco ai giorni nostri –  dove il mistero svela le altre 5123 pagine strappate accatastate in forma di pira funeraria. E io e mia moglie quando eravamo ancora fidanzati durante una gita a Tagliavia. Poi la seguente annotazione: ogni lettore nascerà il 12 febbraio 1922, nessuno escluso. Un unico angosciante compleanno ripetuto all’infinito. Voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GLI ALTRI – n.25
devi metterti 80 formiche sulle dita, mi ha detto la polly. Putain ca c’est fou, ah! mi ha detto LUI. Read more.
STAGIONE SOLITARIA
Attingo al verbo – in questa veste che mi resta     c’è un verde indecente che ramifica a un’idea Read more.
HO CHIAMATO KOREN
ho chiamato koren risponde miyoen Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (20)
Nei giorni successivi Nicola fu avvicinato da due mercanti, il Gatto delle Navi e la Volpe del Deserto, che si Read more.
ALDILA’ DEL CORPO
Aldila’ della finestra Sbiadita nel corpo Su scarpe senza piedi Che tracciano un percorso Alla ricerca di un corpo Fuggito Read more.
A TALE OF PANDEMIC – 26.3.2020 Sebastian, Florida.
Appena mi distraggo, le iguane entrano in casa. Read more.
LE FACCE CHE RITORNANO
E’ venuta a trovarmi una mia ex che non vedevo da anni, abbiamo cenato, ho mangiato troppo, l’ho accompagnata in Read more.
SUL DIVANO C’ERA UN CAGNOLINO E MI GUARDAVA
sul divano c’era un cagnolino e mi guardava. era nero nero come gli angoli dietro ai mobili ed odorava ancora Read more.
PERSONALI SEGNI DI CEDIMENTO
  Tutti gli consigliarono di ricorrere al precotto. Lui disse che non sapeva, che forse prima era meglio se si Read more.