SUL DIVANO C’ERA UN CAGNOLINO E MI GUARDAVA

sul divano c’era un cagnolino e mi guardava. era nero nero come gli angoli dietro ai mobili ed odorava ancora d’uovo. era molto silenzioso e perciò capii che, in realtà, era sul nostro divano da sempre ed io me n’ero accorto solo in quel momento. trovai strano che stesse sempre zitto ma pensai che, in fondo, tutti i cuccioli nascono con gli occhi attappati: questo qui, semplicemente, era nato con la bocca chiusa e doveva ancora imparare ad aprirla. avevamo anche un altro cane più grande che lo picchiava e lo voleva sempre uccidere, come si fa coi bambini piccoli. un giorno che stavo passeggiando dentro casa sentii un boato lungo come una muta, però non nel senso di una metamorfosi ma come tanti cani tutti insieme, ed era il cagnolino che aveva iniziato a parlare e la voce gli usciva come l’acqua da una bottiglia, ed io ero contento per lui perché adesso finalmente non si faceva più uccidere. quello stesso suono l’ho riascoltato anni dopo, la prima volta che lei mi ha odiato: le veniva da dentro la testa come un tuono che si divincola dal temporale, ed io non credevo possibile che dentro una ragazza potessero starci tutte quelle nuvole nere. lei aveva certi occhi e certe labbra che senza dubbio aveva preso dalla sua vita precedente, ed erano così belli che sembravano quasi umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAFFE’ – n.38
ti ho detto per vent’anni un caffè lungomacchiatofreddo. Sono uscito per vent’anni di casa per dirti questo. Non avevo nient’altro Read more.
QUEI 68 MQ DI UNIVERSO / Immaginando l’ultimo giorno di M. F. Writtenby…
Eppure sembra lunghissima la trattativa che un vento imprevisto impone al mio ultimo ombrello in quel giorno di pioggia. Conosce Read more.
KIREJI – n.9
il fuji oggi   *     sordo – piccare di campana   *     nomignoli- tre pesci   Read more.
TESTA DI UCCELLO LOTTA CON IL MORTO
Le volte in cui i fratelli Karamazov decidono di discendere in loro stessi sono perlopiù quelle giornate in cui il Read more.
HO GIOIELLI DI CARTA ALLA PERIFERIA DEI FIUMI
Ho gioielli di carta alla periferia dei fiumi e una collana rosso ciliegia alla mia corte tutto è parallelo – Read more.
TRANSIZIONI – 25
saxofonista di rubra mercedes. riconosco la sedia dallo strappo di luce. sulla ceramica piatta del vano candele. un triciclo è Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.12
Segugio del tuo pane Le croste orrende, la favella oscura dove la curva si arrende. Su e giù barcolla la Read more.
CASA NATALE
Prima di colazione ho rincorso un pensiero. Un pensiero qualunque, ma da trattare con riguardo e con le buone senza Read more.
MEMORIE 01
  Sul nostro matrimonio, oramai trapassato, ciascuno ha i suoi tenaci ricordi, tu hai i tuoi che mai coincidono con Read more.