SUL DIVANO C’ERA UN CAGNOLINO E MI GUARDAVA

sul divano c’era un cagnolino e mi guardava. era nero nero come gli angoli dietro ai mobili ed odorava ancora d’uovo. era molto silenzioso e perciò capii che, in realtà, era sul nostro divano da sempre ed io me n’ero accorto solo in quel momento. trovai strano che stesse sempre zitto ma pensai che, in fondo, tutti i cuccioli nascono con gli occhi attappati: questo qui, semplicemente, era nato con la bocca chiusa e doveva ancora imparare ad aprirla. avevamo anche un altro cane più grande che lo picchiava e lo voleva sempre uccidere, come si fa coi bambini piccoli. un giorno che stavo passeggiando dentro casa sentii un boato lungo come una muta, però non nel senso di una metamorfosi ma come tanti cani tutti insieme, ed era il cagnolino che aveva iniziato a parlare e la voce gli usciva come l’acqua da una bottiglia, ed io ero contento per lui perché adesso finalmente non si faceva più uccidere. quello stesso suono l’ho riascoltato anni dopo, la prima volta che lei mi ha odiato: le veniva da dentro la testa come un tuono che si divincola dal temporale, ed io non credevo possibile che dentro una ragazza potessero starci tutte quelle nuvole nere. lei aveva certi occhi e certe labbra che senza dubbio aveva preso dalla sua vita precedente, ed erano così belli che sembravano quasi umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRANSIZIONI – 15
cadono alberi e maciullano cervelli. sventrano false coscien- ze. espropriano la merda dai loro naturali ricettacoli umani. la merda delle Read more.
ALTRI FRAMMENTI (19)
Nell’epoca del mercato globale, non ci si stupisce se un figlio vende l’eroina alla propria madre e non ci si Read more.
BLOCCO TOTALE
Variazione* Appena mi distraggo [le guerre] mi entrano in casa *da A tale of pandemic di Paola Silvia Dolci Read more.
ROMA AGOSTO
È vuoti inattesi Eccezioni, sconcertati Petti nudi davanti alla chiesa Un barista versa mezzo bicchiere Chi canta la sua storia Read more.
PESCI
Prendere un pesce è abbastanza difficile, almeno con le mani. E’ per quello, forse, che si usano le reti. Anche Read more.
QUEL CHE VEDE ANNAZELDA
Annazelda vede le persone che non esistono. Ci va a ballare, ci va a cena. Vede come sono vestite, se Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena XVIII
smontò impettito quasi asfittico cappio al collo mezzo-Windsor lustro ai piedi assai sciuscià socio nuovo di papà In aereo per Read more.
CHE IL SILENZIO RIMANGA
che il silenzio rimanga tra la porta della quinta essenza o un tramite dell’incandescente la mira delle speranze nella ripetizione Read more.
ALL’INCIRCA
Dottore, mi creda, aspettarlo in grembo è stato uno sforzo più grande del parto. Ogni giorno, mille pensieri al secondo Read more.