IL PROFETA DELLE PERIFERIE (19)

Quando, dopo un anno di forzoso camminare, il corteo dei bambini pellegrini giunse nella città davanti al Mare del Peccato, il loro accidentato viaggio sembrò che stesse volgendo al termine. Si respirava un’aria di contenuta euforia per avercela (quasi) fatta. Ancora un’ultima prova e sarebbero arrivati alla sospirata Terra Santa. Noi siamo puri, disse il Profeta, dunque fermiamoci sulla spiaggia ad aspettare, il Mare non potrà non aprirsi per farci passare. Invece, trascorse un giorno, due, tre e nulla accadeva. Dopo dieci giorni di attesa, la fiducia prese a vacillare, dopo un mese cessò del tutto. Il contraccolpo di delusione fu, a questo punto, micidiale e definitivo. I ragazzi si ribellarono, insorsero, parecchi si dispersero sbandati e disperati, un gruppetto chiese a Nicola di prendere in mano la situazione, di scacciare lo Stephano Christo che li aveva così indecentemente ingannati. Nicola non volle umiliare Stephano più di quanto non si fosse autosvergognato e mortificato da sé, lo prese da parte e gli disse che soltanto il suo sacrificio avrebbe scacciato le tenebre e riportato la luce presso il popolo dei ragazzi.

Nicola quindi si apprestò a celebrare il rito eucaristico sulla spiaggia: una voce inverificata riferì che Stephano fu visto allontanarsi e inoltrarsi a piedi dentro il Mare del Peccato: sembra che un’onda anomala lo avesse sommerso e rapito via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRATTENERE UN LEMBO ALL’ALBA
trattenere un lembo all’alba di un assurdo blu quando è l’era dei morti viventi o forse pensieri incrociati e – Read more.
5/10
Pensare restava un’occupazione possibile (pensare non è riflettere) Il bisogno di raccogliersi e ricapitolarsi (guardando fuori, lontano…) È l’autunno Pigrizia Read more.
(L’OCCHIAIA. 99.)
Affronto i pioli traballanti della scala allungata dentro un’oscurità puzzolente di muffa senza esitazioni, due per volta, allontanandomi alla svelta Read more.
AUTUNNO
la fiera] è in omaggio sul terrazzo il vaso sporge in continuazione liberate la fiera occasione di saldi come le Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.27
L’arte è pace comune Ricettacolo d’epoche Dove la paura perde Teche di immagini feroci. Mi si dia l’estro Per morire Read more.
TRAUMA 3
jazz la radio. refrigerio ventilato. aria flussi e superfici. la convenzione della mano destra. in camera lo specchio col riflesso Read more.
VECCHI
Vecchi che a non dire “sbrighiamoci a morire” motivi buoni ne possono trovare, per esempio il tressette da finire, le Read more.
NON E’ PASSATA LA PASSIONE 4
  Non è passata la passione / non è bastata la passione Tuttora non c’è una possibile conclusione o soluzione. Read more.
FRAMMENTO 5
Giocare è insegnare idee, ha scritto Andréa Azulay. Eppure l’uomo vive sotto l’azione di forze delle quali conosce l’esistenza. Come Read more.