oo-SFERA

(spooky action at a distance)

 

Distillate le giunture

di una goccia di pioggia,

mi sento a casa,

 

sotto,

il fondo/l’abisso,

sopra,

galleggio,

 

sopra,

la notte/l’abisso,

sotto,

galleggi.

 

Tinte le parole,

tra i bordi bruciati,

coalescenti e pallidi,

t’osservo…

 

Alla luce,

(quasi mai).

 

All’ombra,

nella mia ombra.

 

Al buio,

nel rumore dei tuoi sogni.

 

E tra sapore di sangue

e polvere di fantasmi,

il ritmo del silenzio del tuo respiro

e stelle di corniolo avvinghiate

nei miei capelli,

 

ti addormenti

 

e mi risvegli,

 

mi addormenti

 

e ti risveglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NEL MATTINO DOMENICALE
Valeriana, questa settimana è domenica. Di corsa senza radici orgia di piante, odore di pattume negli anfratti e rami appena Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.5
Mi tocca morire con le croci Dei fossili, le litanie dei muri Le cecità feroci. Ormai si contorcono i vocaboli, Read more.
CANI PERSI
Di notte, si sa, le gatte son tutte bigie. Ma i cani? I cani che ti ringhiano nel buio, ti Read more.
LA SOTTIGLIEZZA GENERA CATACLISMI _X0010_
Sarebbe bene iniziare a chiedersi se tutte quelle facezie sottese a una concezione urbanistica rigorosa – i clamori che sconquassano Read more.
NOI SIAMO LA’
Interrogando i passanti, non dovrebbe esservi difficile trovare la strada. Noi siamo subito dopo quel ponte di cemento. Come sai Read more.
JONESCO ERA UNA BALLERINA
tartufi immersi nella notte calcinata eppure un refolo di tenerezza svirgola da dietro il muraglione dei Ciclopi durante quella monumentale Read more.
UNA VISITA AL CONVENTO
Tutte le volte che le ragazze giocavano alle cose impossibili, una di quelle cose accadeva. Ne sapeva qualcosa il signor Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena XXII
Saltati i refrain di lupi branco d’abitudinari dopo gli scatti rubati di cui brulicò la questura: colti in shopping illecito Read more.
DIARIO ROMANO – 3
14 47   confusione e fisse, una voce la isolo   l’aria     15 45   lavo e penso Read more.