L’OMBRA

Quando le giornate cominciano appena

ad accorciare e la sera chiede permesso

allora il cuore si stringe

riappare l’ombra

 

Tempesta d’aria artica al centro

muta sorda cieca impermanente

mentre intorno si grida e si cade

noli lei tangere

 

E in fondo al nulla nulla succede e al nulla

rimane una scia sdentata che traluce

l’alba ha mosso il sonno all’angoscia

che fa l’ombra nascosta che mi fa ombra?

 

Lontana forse sotto la sedia nell’orto

travestita da omino che caracolla

colla cara da cucchiaio imbronciato

sulla fronte la croce di tuo padre

 

Dissolto nella stagione degli amici morti

vorrei sì

con loro riposare e parlare

giocare alla vita che (non) ritorna

 

Che forse non se n’è mai andata

nel tempo in cui ogni

tremito sembra catastrofe

e il ricordo ha corto il fiato fumato

 

Un puntino nell’infinito sorride

poco prima di andare in scena

il silenzio graverà sulle labbra

come un campione suonato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEMPRE LIEVE E PONENTE
  In un salotto stile Luigi Filippo – piuttosto malandato in verità, ma in una casa patrizia ancora ben conservata Read more.
SONO PIEGHE D’INVERNO E
sono pieghe d’inverno e la somma di vite queste vite – le piccole cose di segni lontano nelle stanze divine Read more.
LANCIANDO UN GRIDO
  Lanciando un grido d’attenzione, io esclamo un giorno sì e uno no (vale a dire spesso sì e spesso Read more.
ASCIUTTA E SECCA VOCE
Asciutta e secca voce a notte, rara, basta all’avara immersione nella fonte, frattanto che si guada la fiumara, il letto Read more.
NOVANT’ANNI
La signora compie novant’anni: la sala del ristorante è dedicata a lei oggi. Due palloncini color fucsia – un nove Read more.
QUADRO 1
(dimmi bambino che fai lì tutto solo)     … (il quadro che apre la mostra) Tutti i quadri della Read more.
ANUBI
con la lampadina accesa tra i denti sospeso nella piena luce del giorno di lato all’uomo che sfiletta acciughe salate Read more.
VIII)
loro mi spogliano giocando e ridendo io mi sbuccio le ginocchia, io mi faccio crescere i denti gli infermieri parlano Read more.
LINGUE ALTRUI
Masticavano vuoto gli antenati del neolitico, resina di betulla e poi ci fu il mastice di Chios a tenere in Read more.