LA CAPRETTA I BARGIGLI

non ridono di me hanno i bargigli le zampe puntate sul mio sesso inconscio incrocio i loro sguardi assassini le donne mi odiano il mio avvocato non capisce sono in strada la strada è la mia testa attraverso col rosso le donne mi odiano penso al piacere di essere odiato non rinuncio porto scarpe antiaritmetiche non si riscaldano ai numeri la mia testa quando le incrocio raffredda il loro sguardo i loro occhi l’elettroventola marcata erostrato gira senza bloccarsi non ridono potrei essere l’oggetto meccanico di un loro dispiacere mi prendono per quello che sono un ecce homo un giocattolo un televisore fulminato dalle mie bellezze passanti si stirano le gonne non avrei mai pensato una gonna stirata come un baffo del mio sergente leccato dalla pleura rischio polmonite tutto l’ingiusto è giusto però non sento non sento un sms sfrigolare dentro un’altra sms non sento la luna né purtroppo il fumo di bruciato nonsenso nonsento una gmail cade nella tasca del mio impermeabile le mani stanche per una lunga masturbazione arriva sotto i piedi la cadenza del passo non imposta non voluta non vorrei più marciare marciano marciapiedi avessi camminato solo con le mani strette a bloccare le pulsazione dell’arteria femorale con le unghie con gli occhi che ci vedono signore voi non siete il mio signore perché non incrociate il mio sguardo signorile dovreste incrociarlo sembrate carroarmate di potenza futile militare sguardo segreto voglio dirvi forse mi guardate senza essere guardate le donne gli uomini che incrocio anche se ridono non hanno bargigli solo io non vedo cecato la poltrona è un trono dover chi c’è è anche stanco di potere sta poi sulla poltrona ci sono gli olmi i passerotti la campagna nel senso degli olmi che vincerà eppoi di nuovo gli ossi degli uccellini divorati dalle rane covano nel mio stomaco a un certo punto qualcuno sospetta ti sei bevuto il lago il lago però asciutto secco secco secco un lago di terra solo una bestia tracima terra si beva la terra

 

(da SESCION – 7 Siciliani – I quaderni del Battello Ebbro, Macerata, 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FRAMMENTO 1
  Orizzonte dal latino Horizon, che limita. Sottointeso è Kyklos – il cerchio. Una delle possibili destinazioni. Una delle moltissime Read more.
SOSPENSIONE
sospensione non era che svilimento del vuoto e il senso tattile dell’abbandono nello sradicamento del se diverso o tempo inverso Read more.
2/10
Com’è la notte, galileo Chiara, maestà, chiara … Tutta colpa del gatto (se ne sta dietro i vetri a guardare Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.19
Cristalli di enigmi voltarti Lo sguardo retro di chi sa Già marce le gioviali canne Spaziate sul greto del fiume. Read more.
GLACIAZIONI, SPONDILOSI, SINTROMI
Uscendo dall’incontro si presenta la montagna e nel coltroluce la sua criniera di pini ed alberi uno a uno smerletta Read more.
GLI EFFETTI (6)
inesatta ma la] topografia rende la sterilità dei luoghi sterza via come alcune luci incandescenti alcune sàltano e còlano in Read more.
DENTRO / FUORI – 8
Fuori: l’archetipo di un processo incontrollabile, l’apparenza sensoriale e il paesaggio inconoscibile, la rivolta che si tradisce e la follia Read more.
BOCCA
Ho sognato che ero dentista e dovevo togliermi un dente, cercavo altri dentisti ma nessuno voleva togliermelo ed ero costretto Read more.
HO SETTE ANNI
Siamo nello studio. Luci puntate e buio. Con forza e fermezza il dottore mi strappa entrambi i lobi nei quali Read more.