E’ PIU’ SEMPLICE CHIUDERE GLI OCCHI

“Camminate a distanza ravvicinata: né troppo vicini né troppo lontani. Il concetto potrà sembravi un controsenso, eppure vedrete che alla lunga darà i suoi frutti” – Dalla platea si levò una voce: “Si spieghi meglio” – oggigiorno la gente vuole sapere e sapere e ancora sapere, che poi, mi chiedo, che ci sarà mai da sapere? – Le informazioni importanti si contano sulla punta delle dita – “delle mani o dei piedi?” – troppe domande creano confusione e inutile allarmismo – Nessuno capì. Qualcuno si alzò e cominciò a camminare alla cieca – Forse ci vorrà del tempo, anche se ormai è noto che al precipizio mancano solo pochi metri – l’ordine è quello di montare dei fondali con sopra disegnato un bel paesaggio per nascondere l’abisso – Partirono alcuni fischi – “Vi prego, signori, mantenete la calma. Qui nessuno vi sta prendendo in giro” – praticamente è come cucinare una frittata: si rompono delle uova e poi si friggono – d’altronde non si può fare una frittata senza rompere qualche uovo, lo sosteneva anche Lenin – il segreto comunque è la qualità dell’olio – alla fine sembrerà un caso sfortunato, una specie di fulmine a ciel sereno – “Che dicono i meteorologi?” – non c’è ottimismo – A quel punto le forme di vita del pianeta si chiusero in un cupo mutismo – “Ce l’abbiamo fatta!”, esclamarono però i dirigenti – Ora la frittata è pronta, sedetevi a tavola – in giro si sparse la voce – un atteggiamento incivile, senz’altro – per fortuna la civiltà non è più un valore, e anche se lo fosse ancora nessuno ne comprenderebbe il senso – è più semplice chiudere gli occhi e contare le stelline – un grande sonno. Sì, proprio un grande sonno senza sogni – “Di che colore hai le occhiaie? Le mie tendono al blu notte” – assomigliano alle onde mare, che non possono parlare – “Cosa ne sarà di quelli che restano?” – “Non è più affar nostro. Sterminateli pure, se vi va.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GLI ALTRI – n.25
devi metterti 80 formiche sulle dita, mi ha detto la polly. Putain ca c’est fou, ah! mi ha detto LUI. Read more.
STAGIONE SOLITARIA
Attingo al verbo – in questa veste che mi resta     c’è un verde indecente che ramifica a un’idea Read more.
HO CHIAMATO KOREN
ho chiamato koren risponde miyoen Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (20)
Nei giorni successivi Nicola fu avvicinato da due mercanti, il Gatto delle Navi e la Volpe del Deserto, che si Read more.
ALDILA’ DEL CORPO
Aldila’ della finestra Sbiadita nel corpo Su scarpe senza piedi Che tracciano un percorso Alla ricerca di un corpo Fuggito Read more.
A TALE OF PANDEMIC – 26.3.2020 Sebastian, Florida.
Appena mi distraggo, le iguane entrano in casa. Read more.
LE FACCE CHE RITORNANO
E’ venuta a trovarmi una mia ex che non vedevo da anni, abbiamo cenato, ho mangiato troppo, l’ho accompagnata in Read more.
SUL DIVANO C’ERA UN CAGNOLINO E MI GUARDAVA
sul divano c’era un cagnolino e mi guardava. era nero nero come gli angoli dietro ai mobili ed odorava ancora Read more.
PERSONALI SEGNI DI CEDIMENTO
  Tutti gli consigliarono di ricorrere al precotto. Lui disse che non sapeva, che forse prima era meglio se si Read more.