CANTICI DELLO STAGNAIO XII

il libro più importante della mia vita

è un libro che non ho mai letto

e che non leggerò neanche

una volta, qualcuno

in una fredda città del nord

me ne raccontò il finale

ricordo benissimo quel momento

ricordo benissimo

che ho guardato in faccia

quel qualcuno

e ricordo benissimo

che non l’ho visto

nella mia vita ho sempre visto

quello che non ho mai guardato

stavo mescolando una bustina di zucchero

dentro una tazzina di caffè

era una fredda mattina

era mattina presto

in quella fredda città del nord

e quel racconto

il racconto di quel finale

fece in modo

che la mai mano si fermasse

per un attimo

e che per un attimo

si fermasse anche, di conseguenza

il cucchiaino

e che, di conseguenza

si fermasse per un attimo

anche il tempo

tanti anni dopo, di quel libro

che non ho mai letto

ho letto solo una frase, riportata

da un altro libro

esiste un momento, diceva

esiste un momento

nelle separazioni

in cui la persona

amata

già non è più

con noi

e questo, con quel finale

è tutto ciò che so di quel libro

e nonostante ciò so che quel libro

è il libro della mia vita

con quel finale

che non ricordo più

ma

che qualcuno tanti anni fa

mi ha raccontato

e quella sola frase

che qualcun altro

tanti anni dopo

ha riportato

 

 

 

(da SESCION – 7 Siciliani – I quaderni del Battello Ebbro, Macerata, 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FRAMMENTO 1
  Orizzonte dal latino Horizon, che limita. Sottointeso è Kyklos – il cerchio. Una delle possibili destinazioni. Una delle moltissime Read more.
SOSPENSIONE
sospensione non era che svilimento del vuoto e il senso tattile dell’abbandono nello sradicamento del se diverso o tempo inverso Read more.
2/10
Com’è la notte, galileo Chiara, maestà, chiara … Tutta colpa del gatto (se ne sta dietro i vetri a guardare Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.19
Cristalli di enigmi voltarti Lo sguardo retro di chi sa Già marce le gioviali canne Spaziate sul greto del fiume. Read more.
GLACIAZIONI, SPONDILOSI, SINTROMI
Uscendo dall’incontro si presenta la montagna e nel coltroluce la sua criniera di pini ed alberi uno a uno smerletta Read more.
GLI EFFETTI (6)
inesatta ma la] topografia rende la sterilità dei luoghi sterza via come alcune luci incandescenti alcune sàltano e còlano in Read more.
DENTRO / FUORI – 8
Fuori: l’archetipo di un processo incontrollabile, l’apparenza sensoriale e il paesaggio inconoscibile, la rivolta che si tradisce e la follia Read more.
BOCCA
Ho sognato che ero dentista e dovevo togliermi un dente, cercavo altri dentisti ma nessuno voleva togliermelo ed ero costretto Read more.
HO SETTE ANNI
Siamo nello studio. Luci puntate e buio. Con forza e fermezza il dottore mi strappa entrambi i lobi nei quali Read more.