CANTICI DELLO STAGNAIO XII

il libro più importante della mia vita

è un libro che non ho mai letto

e che non leggerò neanche

una volta, qualcuno

in una fredda città del nord

me ne raccontò il finale

ricordo benissimo quel momento

ricordo benissimo

che ho guardato in faccia

quel qualcuno

e ricordo benissimo

che non l’ho visto

nella mia vita ho sempre visto

quello che non ho mai guardato

stavo mescolando una bustina di zucchero

dentro una tazzina di caffè

era una fredda mattina

era mattina presto

in quella fredda città del nord

e quel racconto

il racconto di quel finale

fece in modo

che la mai mano si fermasse

per un attimo

e che per un attimo

si fermasse anche, di conseguenza

il cucchiaino

e che, di conseguenza

si fermasse per un attimo

anche il tempo

tanti anni dopo, di quel libro

che non ho mai letto

ho letto solo una frase, riportata

da un altro libro

esiste un momento, diceva

esiste un momento

nelle separazioni

in cui la persona

amata

già non è più

con noi

e questo, con quel finale

è tutto ciò che so di quel libro

e nonostante ciò so che quel libro

è il libro della mia vita

con quel finale

che non ricordo più

ma

che qualcuno tanti anni fa

mi ha raccontato

e quella sola frase

che qualcun altro

tanti anni dopo

ha riportato

 

 

 

(da SESCION – 7 Siciliani – I quaderni del Battello Ebbro, Macerata, 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRATTENERE UN LEMBO ALL’ALBA
trattenere un lembo all’alba di un assurdo blu quando è l’era dei morti viventi o forse pensieri incrociati e – Read more.
5/10
Pensare restava un’occupazione possibile (pensare non è riflettere) Il bisogno di raccogliersi e ricapitolarsi (guardando fuori, lontano…) È l’autunno Pigrizia Read more.
(L’OCCHIAIA. 99.)
Affronto i pioli traballanti della scala allungata dentro un’oscurità puzzolente di muffa senza esitazioni, due per volta, allontanandomi alla svelta Read more.
AUTUNNO
la fiera] è in omaggio sul terrazzo il vaso sporge in continuazione liberate la fiera occasione di saldi come le Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.27
L’arte è pace comune Ricettacolo d’epoche Dove la paura perde Teche di immagini feroci. Mi si dia l’estro Per morire Read more.
TRAUMA 3
jazz la radio. refrigerio ventilato. aria flussi e superfici. la convenzione della mano destra. in camera lo specchio col riflesso Read more.
VECCHI
Vecchi che a non dire “sbrighiamoci a morire” motivi buoni ne possono trovare, per esempio il tressette da finire, le Read more.
NON E’ PASSATA LA PASSIONE 4
  Non è passata la passione / non è bastata la passione Tuttora non c’è una possibile conclusione o soluzione. Read more.
FRAMMENTO 5
Giocare è insegnare idee, ha scritto Andréa Azulay. Eppure l’uomo vive sotto l’azione di forze delle quali conosce l’esistenza. Come Read more.