TI PIACERAI SICURAMENTE A ME

Più bestia che uomo il mio corpo, che a riprova, alla mia età manda ancora richieste di aiuto illetterate: tanti anni di convivenza  serviti a niente, non una parola imparata. Credevo che col tempo riuscisse a sillabare almeno le vocali, che ne so, spiccicare una mezza frase di senso compiuto, specie quando pretende io diagnostichi prima possibile un qualunque intoppo nei suoi meccanismi. Ma il giovanotto niente, zero collaborazione: un dolore qua, una fitta là, la schiena bloccata, il mal di testa – mai una volta che si esprima chiaramente, solo guaiti. E io devo dedurre, interpretare, e provvedere ovviamente, perché il dolore invece lo scarica tutto sul mio groppone.  C’è però un fatto sconcertante, scrive la vicina dei miei figli, ma che io non sono in grado di convalidare: tutte le volte che una Phragmatobia fuliginosa viene a posarsi su una mia spalla, o su un braccio, lui intonerebbe una melodia. Dice che a mia insaputa l’epidermide vibra di contentezza, i peli si rizzano, e solo chi osserva dall’esterno sente appieno la sua felicità, e l’estasi, mentre la scapola, o il gomito, si abbandonano a un canto tedesco delle valli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRANSIZIONI – 15
cadono alberi e maciullano cervelli. sventrano false coscien- ze. espropriano la merda dai loro naturali ricettacoli umani. la merda delle Read more.
ALTRI FRAMMENTI (19)
Nell’epoca del mercato globale, non ci si stupisce se un figlio vende l’eroina alla propria madre e non ci si Read more.
BLOCCO TOTALE
Variazione* Appena mi distraggo [le guerre] mi entrano in casa *da A tale of pandemic di Paola Silvia Dolci Read more.
ROMA AGOSTO
È vuoti inattesi Eccezioni, sconcertati Petti nudi davanti alla chiesa Un barista versa mezzo bicchiere Chi canta la sua storia Read more.
PESCI
Prendere un pesce è abbastanza difficile, almeno con le mani. E’ per quello, forse, che si usano le reti. Anche Read more.
QUEL CHE VEDE ANNAZELDA
Annazelda vede le persone che non esistono. Ci va a ballare, ci va a cena. Vede come sono vestite, se Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena XVIII
smontò impettito quasi asfittico cappio al collo mezzo-Windsor lustro ai piedi assai sciuscià socio nuovo di papà In aereo per Read more.
CHE IL SILENZIO RIMANGA
che il silenzio rimanga tra la porta della quinta essenza o un tramite dell’incandescente la mira delle speranze nella ripetizione Read more.
ALL’INCIRCA
Dottore, mi creda, aspettarlo in grembo è stato uno sforzo più grande del parto. Ogni giorno, mille pensieri al secondo Read more.