LE DUE SIGNORE

una passeggiata tra 91 e 96 anni

movimenti lenti incollano l’aria a carezze funamboliche
da mani ossute viottoli pietrosi fuori squadra
costellate da macchie solari
le due facce una fitta rete di comunicazione
si capiscono in volo
inseguendo fatui discorsi
urla senza bocca
si dividono la cura delle necessità
interrotta da lamenti corporei risate singultate all’unisono
fragorosi nel tremolio delle membra
luminosi nell’opaco luccichio degli occhi
il loro raccontare storie
parole che cadono deviando la direzione del filo
lente silenziose interruzioni
per allontanare un fantasma
per uccidere una mosca d’altri tempi
per spartirsi un cenno di complicità
per nascondere l’inconveniente
la goccia tuffatasi di botto
non altera l’alterità del liquido nel loro bicchiere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER QUEST’ANNO NON POTARE (1)
Chi  le ha indotte in tentazione di petali, di petali, di …, di …? Ogni giorno, in ogni stagione pronte Read more.
E’ STATA VITA, E’ STATO TANTO
Studiava ingressi. E stelle. Studiava ingressi e stelle all’ombra di un minuto o di un’attesa. Di te, che saresti scesa… Read more.
TRANSIZIONI – 6
è l’epentesi del ciuffo erboso. tra i microvuoti ai bordi.astratti delle chianche. i concettuali bianchi banchi nel foulard. inorganico. vivo. Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena X
ansia in melassa al parcheggio gonfia di ingiustificato ritardo per cui si batterono piedi a terra serata bianca madre di Read more.
8 MINUTI
8 minuti tra una poesia e un’altra cancellata Read more.
4 BERLIN
18 ottbr     un cane inverte la direzione. zero fluidità della cosa – si sposta in fretta. auto da Read more.
VIAGGIO IN UNA STANZA (parte I)
Vive da solo in una grande casa scomoda e abita in una stanza con finestra e un’apertura che dà su Read more.
UN AUTOBUS PER NIENTE
(1980)   Sono qui che aspetto il venticinque, linea Pecori Giraldi-Borgonuovo sono le tredici meno cinque piazza croci, sole folla Read more.
CODICE ROCCO
Il buongiorno che si dà gratis, per le scale, o nell’androne, andrebbe pagato. Salve, e son tredici centesimi. Se saluti Read more.