CONCLUSIONE

l’imperatore cinese ha torto, gettandosi. brucia come un cespuglio. è per fede.

 

non si distingue più la scena, gli animali cadono dalla finestra,

 

cadono nel passato, si sfaldano queste piume nel tempo della geologia,

 

i pochi sopravvissuti decidono di ritornare a parigi, a roma, a londra, a new york, è per caso.

 

 

 

ma le città che li avevano generati non sono che altre recinzioni di carne.

è tutto bruciato con dentro le divinità. o non è tutto bruciato ma sempre con dentro le divinità.

meditano lungo i fiumi sulla rivalità fra l’iran e la siria.

 

però, che roba. i soldati si accampano come possono, ma non hanno nessuno più a cui rendere conto.

 

le frasi fanno il possibile per farsi rispettare

 

 

 

 

dal duca al marchese, dalla prima all’ultima le parti del castello sono state segnate.

 

dal carbone. dalle unghie che hanno tagliato o meglio graffiato il carbone.

 

resiste all’idea di spostare il cursore sul punto successivo.

 

il duca jesu toccandosi i seni esce sul ponte, -icello

 

basta descrivere le rocce e la faccenda sta a posto.

 

gli altri seguono, un po’ di maiuscolo un po’ no.

non è mai troppa la neve, escono anche gli insanguinati e quindi per gli scenografi è abbastanza più facile.

 

ultima scena primo piano sugli scalpi delle ammazzate.

 

in realtà si scopre che erano uomini.

 

 

gli scorpioni escono dalle vagine per difendere le donne insidiate e pungono e fanno dei ricami ovati.

raffaello sanzio viene pagato per scrivere tre lettere sulla cassa di legno del papa.

 

lo onorano nel pantheon, sarà stato alto un metro e mezzo, uno e cinquantacinque

 

(da l’età dell’età, 4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER QUEST’ANNO NON POTARE (1)
Chi  le ha indotte in tentazione di petali, di petali, di …, di …? Ogni giorno, in ogni stagione pronte Read more.
E’ STATA VITA, E’ STATO TANTO
Studiava ingressi. E stelle. Studiava ingressi e stelle all’ombra di un minuto o di un’attesa. Di te, che saresti scesa… Read more.
TRANSIZIONI – 6
è l’epentesi del ciuffo erboso. tra i microvuoti ai bordi.astratti delle chianche. i concettuali bianchi banchi nel foulard. inorganico. vivo. Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena X
ansia in melassa al parcheggio gonfia di ingiustificato ritardo per cui si batterono piedi a terra serata bianca madre di Read more.
8 MINUTI
8 minuti tra una poesia e un’altra cancellata Read more.
4 BERLIN
18 ottbr     un cane inverte la direzione. zero fluidità della cosa – si sposta in fretta. auto da Read more.
VIAGGIO IN UNA STANZA (parte I)
Vive da solo in una grande casa scomoda e abita in una stanza con finestra e un’apertura che dà su Read more.
UN AUTOBUS PER NIENTE
(1980)   Sono qui che aspetto il venticinque, linea Pecori Giraldi-Borgonuovo sono le tredici meno cinque piazza croci, sole folla Read more.
CODICE ROCCO
Il buongiorno che si dà gratis, per le scale, o nell’androne, andrebbe pagato. Salve, e son tredici centesimi. Se saluti Read more.