OVUNQUE SEI

Ovunque sei… diceva una canzone. Ovunque tu sia, ripetono sempre tutti ad ogni dipartita, ad ogni assenza, come se l’approssimazione e la vaghezza potessero mai contrappesare l’inesorabile precisione della morte.

Noi qui coi nostri bottoni d’osso di antica merceria tentiamo al cambio di avere once di vita al mercato nero del perenne ricordo.

La tarda ora notturna mi porge adesso una tua fotografia di me su cui con penna rossa ritoccasti la sclera dei miei occhi. I messaggi che ancora conservo. Una conversazione interrotta. Poi ripresa. L’orma indelebile del tuo sorriso beffardo e dolce. Le volatili incomprensioni della nostra infanzia invecchiata. La tua barba da lupo che scandiva le lune dei tuoi anni. La tua scrittura che si legge e si rilegge sempre, qui, inalterabile oramai, beffarda e dolce come il sorriso che avevi, testimone in-verso del tempo  – il tempo che un dio povero, avaro e anche ignorante ti ha voluto assegnare-. La  tua casa a Palermo. Palermo nella tua casa. Palermo lontana da Tusa. Tusa lontana come Coyoacán. E la vostra dolce casa silvestre con i camminamenti tortuosi nei terrazzi di fiori e pomodori. E le selci e i gusci vuoti di lumache ascese in paradiso seminati qui e là per il sentiero.

E noi, qui, ancora a dire vagamente Ovunque tu sia, ad ogni assenza e a mendicare memoria?

Se davvero si potesse entrare e uscire dall’Ade, come Ulisse, ti troveremmo seduto lì, a Coyoacán, con Costa a intrecciare parole per costruire lo scubidù dell’eternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ANNI 121 FINO A QUESTO MOMENTO
L’otto di maggio del 900 la signorina G. si svegliò di ottimo umore. Si preparò un tè forte, mangiò due Read more.
IL LETTINO DI FREUD
Ho profanato il lettino di Freud con fantasie erotiche illecite. Sigmund si è preso la briga di venire a trovarmi Read more.
REEDLAST
hanno portato le sedie portato via le poltrone per] [mettere insieme parte del centro la periferia a stecchi marmorìni i] Read more.
HOUSTON ADDIO (BREVE E ROMANTICA STORIA DEI CONTRATTI) / 6.
Un momento: la cosa andò infine a buon fine, tanto da scatenare in lui la voglia di uno pseudonimo che Read more.
A BES
a Bes ci andai per cercare il posto dove il mio predicatore preferito fece il suo primo discorso. La prima Read more.
METASTORIA/REFLUSSO/LUMEGGIATURE
La precessione degli equinozi devia la mappa celeste ma ci vorrebbe altro per scuotere la dura crosta di menzogne che Read more.
MI ACCORDO AGLI ARGINI TRA OMBRE
mi accordo agli argini tra ombre che trascinano l’aria calda e sfollano per i monti nelle stanze dei riccioli perché Read more.
1601109
Esserci (Pathos dell’effimero e della morte) Quella dell’esserci è un’idea sublime ma rischia di lasciar precipitare la dimensione della vita Read more.
ANIMA CACCIAVENTO (4)
Giorni-corpi saldi, soldati combattenti In fila a turno ciascuno all’arma bianca, Neonate anime-agnelle, prede ai cacciaventi Nel volo eterno, nel Read more.