IO E LA POLLY – 12

musatfapascià offre orecchiefrittelle lucenti e sorride sorrisi cariati. Mustafàpascià. Sotto le stelle. Io baratto
dita occhi scarpe. Alla partenza che tu dormi, un occhio candito e un’unghia lunata sono sul tuo ginocchio le
sorprese per domattina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.65
I tiranni giocano ai soldatini Col piombo delle esecuzioni Di loculi di prigioni. Giostra combusta ormai la requie, Scalea irraggiungibile Read more.
A TALE OF PANDEMIC – 14.3.2020 Oro, fuoco, forca
Mentre penso e scrivo d’altro, è sempre più frequente che mi saltino in testa immagini e ricordi che non c’entrano Read more.
E’ PIU’ SEMPLICE CHIUDERE GLI OCCHI
“Camminate a distanza ravvicinata: né troppo vicini né troppo lontani. Il concetto potrà sembravi un controsenso, eppure vedrete che alla Read more.
SI ACCENDE UNA DOMENICA
Già, anche il gargarismo del caffè può fare: vien giù, giù dalla memoria, si fa largo, si accende una domenica. Read more.
SOSTENIAMO
la necessarietà di una rete virtuale globale capace di connettere le persone veicolando conoscenza, cultura e informazione (human learning). Read more.
OSTRUZIONI 6
almeno le] distanze sono trappole [scrivere qui] [nessun risultato più di una pioggia provoca un forte successo di pubblico e Read more.
TRANSIZIONI – 7
lu friddhu ca me vene quandu visciu comu sia ‘na nebbia ca sale. dai campi addolciti al ritorno. e pure Read more.
COME CATTURARE I PAVONI
un pavone non lo si può mettere insieme agli altri animali: nell’aia o in un pollaio non si sente unico Read more.
VIAGGIO IN UNA STANZA (parte II)
Mi colpisce il fatto che le sue giornate trascorrano con metodo, ma senza abitudini rigide e con qualche insolita fiammata Read more.